11:17 07 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
3171
Seguici su

La sparatoria, avvenuta due sere fa a Scilla, in provincia di Reggio Calabria, ha visto protagonista una vecchia conoscenza dell'Arma dei Carabinieri.

Un uomo di 45 anni residente a Scilla, in provincia di Reggio Calabria, è finito vittima di un agguato da parte di una vecchia conoscenza dell'Arma dei Carabinieri, Domenico Nasone, e del suo complice, Augusto Lippi.

I due si erano recati a casa della vittima al fine di estorcergli del denaro, duemila euro in tutto, a titolo di risarcimento per la pubblicazione di un video, simile ai tanti che circolano in questi giorni di quarantena, che ritraeva un parente dello stesso Nasone mentre veniva sottoposto ad un controllo anti-coronavirus.

La messa online della sequenza filmata è diventata così motivo per quella che si è rivelata essere una vera e propria spedizione punitiva ai danni del 45enne di Scilla che, rifiutatosi di pagare, è stato colpito con quattro colpi di arma da fuoco alle gambe.

I due malviventi si sono così dati alla fuga, salvo venire rintracciati dai Carabinieri che hanno poi fatto scattare le manette. al termine di un'operazione durata tutta la notte.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook