14:52 01 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
La diffusione del coronavirus in Italia (26 marzo - 3 aprile) (101)
261
Seguici su

272 persone positive al tampone e quindi affette da Covid-19 se ne andavano liberamente a spasso per la città con il cane o a fare la spesa o in auto. Denunciate per pandemia colposa ora rischiano 4 anni.

Erano risultate positive al tampone, ma loro andavano tranquillamente a spasso con il cane, a fare la spesa come nulla fosse, e anche in auto con tutta la famiglia, violando il disposto che impone la quarantena obbligatoria presso il proprio domicilio.

In 272 sono state denunciate dalle autorità di polizia ed ora per loro scatta la sanzione più grave di pandemia colposa. Secondo le nuove normative rischiano da un minimo 1 anno a un massimo di 4 anni di carcere.

I controlli effettuati nella sola giornata del 30 marzo

Quotidianamente il Viminale pubblica il bollettino dei controlli effettuati dalle forze di polizia su tutto il territorio nazionale.

Nel solo giorno del 30 marzo le persone controllate sono state 22.450, di cui 6.348 sono state sanzionate e 94 sono state denunciate per falsa dichiarazione. Ulteriori 15 persone sono state denunciate per inosservanza del divieto assoluto di allontanarsi dalla propria abitazione o dimora perché in quarantena.

Controllati anche 88.611 esercizi commerciali, di cui 145 attività o loro titolari sono stati sanzionati per aver violato una delle disposizioni previste. 15 attività sono state chiuse provvisoriamente e altre 7 sono state chiuse definitivamente.

Tema:
La diffusione del coronavirus in Italia (26 marzo - 3 aprile) (101)

Correlati:

Coronavirus, Russia: contagi salgono a 2.337 (+500), 17 vittime e 121 guariti
Spagna, coronavirus: bilancio delle vittime giornaliero record con 849 morti in 24 ore
Coronavirus, fino a 7 anni di carcere rischia chi viola la quarantena in Russia
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook