01:53 31 Maggio 2020
Italia
URL abbreviato
La diffusione del coronavirus in Italia (26 marzo - 3 aprile) (101)
133
Seguici su

L’Einaudi Institute for Economics and Finance ha presentato alcune proiezioni che stimano gli azzeramenti dei contagi regione per regione.

Il picco epidemico è previsto per questa settimana ma ci vorrà almeno un mese e mezzo per azzerare i contagi sul territorio italiano. E' quanto emerge da un modello previsionale elaborato dall'Einaudi Institute for Economics and Finance a partire dai dati forniti dalla Protezione Civile, che stima l'evoluzione della curva dei contagi nelle prossime settimane. 

In base a queste proiezioni siamo vicini al picco, ma per l'azzeramento dei contagi si dovrà attendere maggio e non avverrà in maniera uniforme. Si stima che la Lombardia arrivi a quota zero contagi il 22 aprile, mentre la Toscana sarà l'ultima ad uscire dall'emergenza, il 5 maggio. 

La data della fine dell'emergenza è prevista tra la data del 5 maggio, nell'ipotesi più ottimista, e la data di "assestamento" del 16 maggio. 

​Contagi zero regione per regione

Il modello ha permesso di stimare la fine della trasmissione del virus in ogni regione. Secondo le proiezioni le prime regioni ad azzerare i contagi saranno:

  • il Trentino Alto Adige il 6 aprile;
  • Basilicata, Liguria e Umbria il 7 aprile;
  • Valle d'Aosta l'8 aprile; 
  • Puglia il 9 aprile;
  • Friuli Venezia Giulia il 10 aprile; 
  • Abruzzo l'11 aprile; 
  • Sicilia e Veneto il 14 aprile; 
  • Piemonte il 15 aprile; 
  • Lazio il 16 aprile;
  • Calabria il 17 aprile;
  • Campania il 20 aprile;
  • Lombardia il 22 aprile; 
  • Emilia Romagna il 28 aprile;
  • Toscana il 5 maggio. 

Il modello non è riuscito a stimare la curva dei contagi in Sardegna, Molise e Marche per insufficienza dei dati a disposizione.

Tema:
La diffusione del coronavirus in Italia (26 marzo - 3 aprile) (101)
Tags:
Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook