09:50 26 Maggio 2020
Italia
URL abbreviato
Infezione di coronavirus diventa pandemia (23-30 marzo) (117)
0 131
Seguici su

Il celebre infettivologo Anthony Fauci teme una deflagrazione dell'epidemia per le misure blande adottate per contenere focolai giganti come New York, il New Jersey e il Conneticut.

L'allarme proviene dal più celebre infettivologo degli States. Anthony Fauci è infatti direttore dell'Istituto nazionale di allergie e malattie infettive (Niaid) dei National Institutes of Health (Nih). Intervistato alla Cnn, Fauci ha dichiarato che potrebbero essere milioni a infettarsi in tutto il paese e in tal caso la cifra dei morti potrebbe essere più drammatica del previsto: tra 100 e 200 mila vittime. 

Fauci tuttavia sottolinea di non voler fare proiezioni, perché al momento "l'obiettivo è mobile e potrebbe essere facile commettere degli errori".

​Gli Usa hanno un problema con tre focolai enormi. Prima di tutto lo stato di New York, con 60 mila casi e 965 decessi sul totale di 2.000. Il 56% dei contagi in tutta la nazione proviene dall'area della città di New York. Gli altri due focolai sono il New Jersey e il Connetticut.

Trump ha rinunciato ad adottare misure forti come il lockdown e mettere gli stati in quarantena, ma si è limitato a sconsigliare i viaggi non necessari, con un travel advisory. Il presidente Usa teme che uno stop alle attività economiche possa distruggere il Paese, nato per essere aperto e ritiene che gli stessi effetti della quarantena si possano raggiungere le misure adottate.

 

Tema:
Infezione di coronavirus diventa pandemia (23-30 marzo) (117)
Tags:
USA
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook