18:35 30 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
0 80
Seguici su

Giorgio Armani decide di convertire tutti gli impianti produttivi italiani per la produzione di camici monouso per gli operatori sanitari. Si moltiplicano gli imprenditori che convertono le loro linee produttive.

Giorgio Armani ha comunicato che tutti gli stabilimenti produttivi italiani si convertiranno nella produzione di camici monouso per la protezione individuale degli operatori sanitari in prima linea negli ospedali per combattere contro il nuovo Coronavirus.

In precedenza Giorgio Armani aveva donato oltre 1 milione di euro agli ospedali lombardi e allo Spallanzani di Roma, a cui si è poi aggiunta una donazione agli ospedali di Piacenza e di Bergamo che hanno portato la somma donata a 2 milioni di euro.

L’impegno di Giorgio Armani a favore del Paese quindi prosegue, come si moltiplicano le conversioni degli impianti di altre industrie italiane.

Anche Giglio Group, impegnata nel settore dell’e-commerce, ha deciso di convertire alcune piattaforme e linee logistiche destinate alla moda, in linee di approvvigionamento delle mascherine.

La società opera in Cina con una propria struttura, dove ha delle licenze per operare come e-commerce. Grazie ai contatti diretti con le autorità cinesi, fa sapere il fondatore Alessandro Giglio, sono riusciti a reperire 6,3 milioni di mascherine destinate alla sua Regione natia, ovvero la Liguria, mentre una quota parte è stata smistata ad altre aziende che svolgono servizio pubblico sul territorio nazionale.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)

Correlati:

La Nazionale vestirà Giorgio Armani
Giorgio Armani dona 1,25 milioni di euro agli ospedali per emergenza coronavirus
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook