09:25 30 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
105
Seguici su

Il ministero dell'Interno estende i termini per la presentazione della domanda di rinnovo dei permessi di soggiorno in Italia dal 15 aprile al 15 giugno. Anche altri atti amministrativi estendono la loro validità

Con una circolare inviata alle varie prefetture dal ministero dell’Interno, viene reso noto che i permessi di soggiorno in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 sono prorogati fino al 15 giugno prossimo.

In questo modo si intende dare “ la possibilità ai titolari di poter effettuare la domanda di rinnovo dopo tale data.”

La circolare non riguarda solo i permessi di soggiorno e i permessi di lavoro degli extracomunitari presenti sul territorio nazionale con i documenti in regola, ma più in generale i termini dei procedimenti amministrativi, tra cui anche la cittadinanza per matrimonio e per residenza, l’rogazione dei benefici in favore delle vittime di terrorismo.

Un elenco nutrito e di cui diamo conto in parte qui di seguito.

Gli atti amministrativi rimandati

  • Termini previsti relativi ai colloqui da effettuarsi presso i nuclei operativi per le tossicodipendenze (Not).
  • Recupero degli alimenti all'estero a favore dei figli dei genitori di nazionalità diversa.
  • Trasmissione dei propri bilanci da parte degli enti vigilati ANVCG, ANPPIA, ANED.
  • Personalità giuridica degli Enti ecclesiastici.
  • Consiglio di amministrazione e del presidente delle Fabbricerie.
  • Personalità giuridica Enti di culto.
  • Approvazione governativa delle nomine dei ministri di culti diversi dal cattolico.
Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)

Correlati:

Conte scrive una lettera ai cittadini delle regioni del Nord duramente colpite dal Coronavirus
Putin: la Russia può sconfiggere il coronavirus in meno di 3 mesi
Coronavirus, Papa Francesco fa tampone dopo prelato risultato positivo a Santa Marta
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook