17:33 30 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
439
Seguici su

Questi sono gli ultimi dati diffusi dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

Il numero dei casi totali è salito così a 69.176. L'Italia resta così il secondo Paese più colpito al mondo dal Covid-19, e purtroppo resta leader per numero di decessi con 6.820; nell'ultimo giorno le morti per coronavirus sono tornate a salire rispetto al dato di ieri, registrando +743 contro +601.

Sono 8.326 le persone guarite in Italia dopo aver contratto il coronavirus, 894 in più e soprattutto in forte crescita rispetto al dato di ieri, che aveva registrato un incremento di guarigioni pari a 408.

Borrelli ha spiegato che sono complessivamente 54.030 i malati di coronavirus in Italia con un incremento rispetto a ieri di 3.612: la buona notizia è che continua a scendere l'incremento su base giornaliera dei nuovi positivi per il terzo giorno consecutivo.

Dopo aver illustrato i dati, Angelo Borrelli ha voluto chiudere il suo intervento con un augurio particolare a Guido Bertolaso, ex capo della Protezione Civile e consulente del governatore della Regione Lombardia Attilio Fontana, dopo che oggi ha dichiarato la sua positività al coronavirus.

Il presidente del Consiglio Superiore di Sanità Franco Locatelli ha preso la parola dopo Borrelli, esprimendo chiarimenti sulla durata delle misure di contenimento, che secondo alcuni organi d'informazione sarebbero state prolungate di default fino alla fine di luglio.

Locatelli ha smentito, ribadendo che al momento le misure di contenimento sul blocco delle attività economiche non indispensabili e sull'isolamento domiciliare sono valide fino al 3 aprile, e pochi giorni prima di questa data si deciderà sull'eventuale proroga in funzione dell'evoluzione della situazione epidemiologica, così come di volta in volta in futuro.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
Tags:
protezione civile, Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook