21:47 06 Agosto 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
152
Seguici su

A Bergamo anche 1800 trentenni hanno la polmonite causata dall'epidemia da Covid-19, segno che non solo gli anziani si ammalano. Commuove a Casnigo la storia di don Giuseppe.

Non colpisce solo gli anziani ma anche i più giovani il nuovo coronavirus, e porta come conseguenza più grave a una polmonite che compromette entrambi i polmoni (bilaterale) e crea per questo una insufficienza respiratoria che può rivelarsi letale a qualsiasi età.

A Bergamo i trentenni con polmonite da Covid-19 sono 1.800, lo riferisce la dottoressa Paola Pedrini segretaria regionale della Federazione medici di famiglia Lombardia (Fimmg) a Rainews.

La dottoressa Pedrini riferisce che a Bergamo i medici di famiglia sono 600 e ciascuno di loro ha in cura almeno 3 trentenni con polmonite causata da Covid-19.

Da Bergamo a Lipsia

Intanto sono arrivati a Lipsia i primi pazienti della terapia intensiva del Giovanni XXIII di Bergamo. Fanno parte di un primo gruppo di 8 pazienti, a cui seguiranno altri 10 che raggiungeranno la città di Dusseldorf.

Questo è l’aiuto concreto offerto dalla Germania all’Italia per alleggerire gli ospedali lombardi sovraccarichi di pazienti da giorni.

A Bergamo gli specialisti dalla Russia

E dalla Russia a Bergamo sono giunti anche gli specialisti russi, medici che hanno esperienza di epidemie a livello internazionale e che lavoreranno in equipe con i medici italiani dei vari ospedali bergamaschi.

Il sacerdote che ha donato il suo ventilatore

A Casnigo, piccolo comune della provincia di Bergamo, don Giuseppe Berardelli, arciprete della locale parrocchia, ha compiuto un gesto eroico che i fedeli giudicheranno sicuramente evangelico.

Don Giuseppe nei giorni scorsi si è ammalato di Covid-19 ed era in condizioni gravi. I suoi fedeli avevano fatto una colletta ed erano riusciti a comprargli un respiratore, riporta il Bergamonews. Il sacerdote, ricoverato presso il locale ospedale di Lovere, ha rinunciato al respiratore per consentire a persone più giovani di lui di utilizzarlo e continuare a vivere.

Don Giuseppe Berardelli è così morto, donando ad altri la vita.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)

Correlati:

Bergamo, Carabinieri consegnano farmaci a farmacie e ospedali: mancano corrieri
Coronavirus, cimiteri pieni a Bergamo: 60 bare trasportati in altre città per la cremazione - Video
Coronavirus, testato a Bergamo nuovo farmaco su pazienti gravi
Tags:
Bergamo, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook