19:29 30 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
209
Seguici su

76° Anniversario dell'eccidio delle Fosse Ardeatine, il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ricorda l'inumana uccisione e ricorda agli italiani di oggi di restare uniti in questa nuova prova.

Ricorre oggi 24 marzo il 76° Anniversario dell’eccidio delle Fosse Ardeatine e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha rilasciato un messaggio rivolto sia ai famigliari di quanti persero un loro caro in quell’inumano eccidio, ma anche alla nazione che affronta un così delicato momento della sua storia.

“L’eccidio delle Ardeatine ha costituito una delle pagine più dolorose della storia recente del nostro Paese”, ricorda Mattarella nel messaggio.

Anniversario Fosse Ardeatine affetto e vicinanza

Mattarella si rammarica di non poter essere come ogni anno al Mausoleo delle Fosse Ardeatine, dove il 24 marzo del 1944 furono uccise 335 detenuti politici, ebrei e semplici sospetti prelevati dal carcere di Regina Coeli e dal carcere di Via Tasso.

Sulla via Ardeatina furono uccisi come martiri tra le catacombe di Domitilla e di San Callisto.

Rispettare la vita e offrire solidarietà

Mattarella unisce i tragici momenti di allora con l’emergenza che viviamo oggi attraverso il rispetto della vita e il suo sostegno attraverso il valore della solidarietà.

“I valori del rispetto della vita e della solidarietà che ci sorreggono in questo periodo, segnato da una grave emergenza sanitaria, rafforzano il dovere di rendere omaggio a quei morti innocenti”.

Il Presidente ha quindi aggiunto:

“Eventi così atroci, frutto della volontà di sopraffazione e del razzismo, continuano a richiamarci ai valori fondamentali della memoria, della pace, della solidarietà”.

Oggi unità come allora per risollevare il Paese

Mattarella sprona il popolo italiano a restare unito e a rialzarsi anche dopo questa prova così difficile sia in termini di vite umane che sono state perse, che in termini di perdita di lavoro per gran parte degli italiani.

“La libertà e la democrazia sono state conquistate con il sangue di molti per evitare che ne fosse sparso ancora in futuro. Al termine di quegli anni terribili, segnati dalla dittatura e dalla guerra, l’unità del popolo italiano consentì la rinascita morale, civile, economica, sociale della nostra Nazione.

La stessa unità che ci è richiesta, oggi, in un momento difficile per l’intera comunità.”

Video Instagram Mattarella su condivisione e unità
Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Quirinale (@quirinale) in data:

Correlati:

Coronavirus, Von der Leyen risponde a Mattarella: "Siamo pronti ad aiutare l'Italia"
Presidente tedesco Steinmeier scrive a Mattarella: "Solo insieme possiamo superare la crisi"
Coronavirus, Mattarella ringrazia la Germania per la solidarietà all'Italia
Tags:
Sergio Mattarella
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook