17:51 12 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
3112
Seguici su

Il fatto è accaduto ad Udine. Durante i controlli delle autorità, che dal 9 marzo garantiscono le limitazioni agli spostamenti dei cittadini attraverso posti di blocco, un ragazzo è stato fermato e denunciato alla Polizia sei volte per inosservanza del decreto "Io resto a casa". All'ultimo controllo è scattato per il giovane il foglio di via.

Un ragazzo della provincia di Udine è stato fermato ben sei volte, tra il 15 ed il 21 marzo, nel centro di Udine, dove non era residente, e denunciato alla Polizia per aver violato le misure del decreto Io resto a casa, date le motivazioni frivole degli spostamenti del giovane che andava a trovare gli amici.

Dopo l'ennesimo controllo, in cui il giovane si è trovato ad Udine senza una motivazione valida, il ragazzo è stato accompagnato da una Volante in Questura, dove gli agenti della Divisione Anticrimine gli hanno notificato un foglio di via obbligatorio e il divieto di ritorno nel comune udinese per un anno, emesso dal Questore.

Si tratta solo dell'ultimo caso in cui le misure del decreto emesso il 9 marzo non sono state rispettate. L'ultima, in ordine temporale, è avvenuta ad Alessandria, dove 11 persone sono state denunciate perché si erano radunate in una villetta di Sale, nell'alessandrino per festeggiare un compleanno, provenendo alcuni anche da Novi Ligure. Sono oltre 70mila le denunce scattate dal 9 marzo, data del decreto, fino ad oggi.

L'ultima ordinanza vieta di spostarsi dal proprio comune

Nella serata di domenica 22 marzo il ministero degli Interni ha emesso una nuova ordinanza che vieta a tutti i cittadini di spostarsi a bordo di mezzi pubblici o privati al di fuori del territorio del proprio comune di residenza.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook