16:35 28 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
223
Seguici su

Il sindaco di Milano ha esortato la cittadinanza a fare di tutto per resistere all'epidemia di coronavirus, che non si è ancora diffuso in maniera drammatica nel capoluogo lombardo.

Se Milano dovesse in futuro diventare uno dei principali focolai dell'epidemia di coronavirus, ciò produrrebbe degli effetti disastrosi sul sistema sanitario, già oggi al tracollo in Lombardia.

Ad affermarlo è il primo cittadino del comune meneghino, Giuseppe Sala, che ha invitato la cittadinanza a resistere strenuamente al Covid-19:

"Oggi noi siamo chiamati a fare questo, a resistere. Resistere perché Milano ancora non é stata toccata dalla diffusione del virus come altre città lombarde e non lo può essere, per la nostra salute, per i nostri cari, ma anche perché immaginate il crollo di una città da 1,4 milioni di abitanti cosa produrrebbe sul sistema sanitario, sarebbe un disastro".

Ad oggi la Lombardia è la regione maggiormente colpita dall'epidemia di coronavirus in Italia. Il nuovo agente patogeno dopo il primo caso di contagio nel comune di Codogno, si è rapidamente espanso in tutte le province della regione, colpendo particolarmente il lodigiano, il bresciano e il bergamasco.

Stando agli ultimi rapporti, il numero dei positivi nella regione è salito a 22.264 mentre le vittime ammontano a 2549.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (20 marzo - 26 marzo) (101)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook