16:43 28 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
1312
Seguici su

L'avvocato Carmen Posillipo, non difenderà chi viola l'art.650 relativo alle restrizioni per contenere i contagi. Altri avvocati sono pronti a emularla.

Tolleranza zero per chi viola le restrizioni anti-coronavirus. Carmen Posillipo, avvocato di Caserta, lo dice chiaro e tondo: "Non venite da me, per essere difesi da queste denunce". In tempo di epidemia si dichiara obiettrice di coscienza.  

La Posillipo è originaria di Bergamo e ha diversi parenti contagiati, di cui uno in rianimazione. Ma la decisione drastica non è dettata dal dolore familiare, ma dalla drammaticità della situazione che l'Italia sta vivendo.

"Bergamo non ha più spazi per seppellire i morti. -scrive - In ospedale stanno applicando criteri di selezione per probabilità di sopravvivenza". Inoltre "l’Italia è in ginocchio, al nord c’è uno sterminio".

"È possibile che gli esseri umani siano così irresponsabili e riescano a comprendere il dolore solo se toccati in prima persona?", si chiede. E diffida i potenziali trasgressori a stare alla larga dal suo studio. 

"È difficile stare a casa, ma se è per la sopravvivenza, è un dovere farlo - conclude - chi non lo fa è un criminale". 

La Posillipo, presidente dell'associazione SoS diritti, che alcuni anni fa aveva fatto parlare di sé, per la proposta di dotare di taser le donne vittime di violenza maschile, non è la sola a pensarla così.  

L'idea dell'obiezione di coscienza per chi infrange le restrizioni agli spostamenti volte a contenere i contagi, è venuta anche ad altri legali, che avvisano i clienti con annunci a caratteri cubitali: "In caso di multa per violazione del decreto siete pregati di rivolgervi ad altro avvocato".

 

 

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
Tags:
Coronavirus, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook