08:48 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
0 11
Seguici su

Dopo l'evasione dal carcere di Foggia di alcuni detenuti il 9 marzo, scende a 6 il totale di detenuti attualmente ricercati. Tra loro ci sono anche tre uomini ritenuti dagli inquirenti tra i più pericolosi.

Il numero di detenuti ancora ricercati nella zona di Foggia, dopo la rivolta e la conseguente evasione del 9 marzo, scende ad un totale di 6 persone dopo l'arresto di 66 carcerati fuggiti. Tra i latitanti sono ancora in libertà Cristoforo Aghilar, il 36enne che ha ucciso l’ex suocera a ottobre scorso ad Orta Nova, Francesco Scirpoli, al momento della rivolta in carcere perché accusato di un assalto a un blindato in provincia di Milano nel 2016 e ritenuto vicino a un clan Garganico, e infine il barese Ivan Caldarola. I suddetti tre individui risultano essere i ricercati più pericolosi.

"Chiunque avesse notizie su Aghilar e sugli altri cinque ricercati può riferirle, nell’anonimato più assoluto e nella massima riservatezza, alle Forze di Polizia chiamando i numeri telefonici 112 o 113", questo l'appello delle forze di polizia del foggiano.

Gli altri tre detenuti ricercati sono un sanseverese, un macedone e un cerignolano. Ieri invece si sono costituiti altri tre che erano evasi durante la rivolta: un barese ad Adelfia (Bari), e due foggiani rispettivamente a San Giovani Rotondo (Foggia) e a Pescara.

Nel frattempo, come conseguenza della rivolta al carcere, 107 detenuti sono stati  trasferiti dal carcere di Foggia in altri istituti penitenziari. All’esterno del carcere è stato predisposto dalla Questura di Foggia un dispositivo di sicurezza con l’impiego di 150 uomini tra Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza, anche con l’impiego di reparti di rinforzo inviati dal Viminale.

Il 9 marzo in numerose carceri italiane sono scoppiate rivolte a causa dello stop alle visite dei famigliari per ridurre le possibilità di contagio. Durante le rivolte, numerosi sono stati i tentativi di evasione, in alcuni casi effettuate con successo. Tra le carceri interessate dalla rivolta anche San Vittore a Milano e Rebibbia a Roma.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook