16:44 28 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
507
Seguici su

Il Papa ha chiesto ai fedeli di assistere i governanti e le autorità con la preghiera, nella decisioni e nella lotta contro il coronavirus.

Papa Francesco chiede ai cattolici di affrontare l'epidemia da coronavirus con la preghiera e di pregare non solo per le famiglie e i malati, ma per i governanti e le autorità impegnati nella lotta contro la diffusione del contagio.

"Tante volte l'autorità si sente sola, a volte non sente capita. Preghiamo quindi per i nostri governanti che devono prendere la decisione su queste misure per contenere la pandemia. Che si possano sentire accompagnati dalla preghiera del popolo. In questo momento di pandemia penso ai familiari, ai malati, ai genitori con i bambini a casa. Ma soprattutto stamattina vorrei chiedervi di pregare per le autorità che devono decidere e tante volte si sentono sole".

Con queste parole il pontefice apre la messa delle 7 del mattino. Una celebrazione a cui i fedeli hanno potuto assistere in streaming, non dal vivo, e con poche suore e sacerdoti ad assistere il Santo Padre durante la lettura delle Scritture. 

Bergoglio si è anche soffermato sull'indifferenza nei confronti delle sofferenze dei popoli che vivono nella miseria.

"Noi a Roma siamo preoccupati per i negozi che sono chiusi - ha ricordata il Papa - siamo preoccupati per fare la passeggiata, per le cose proprie e dimentichiamo  i bambini affamati, la povera gente che è nei confini dei paesi cercando la libertà, migranti forzati che fuggono dalla fame e dalla guerra e solo trovano un muro".

"Conosciamo tante situazioni - ha aggiunto -perché le abbiamo viste nei tg oppure sui giornali. Conosciamo, per esempio, quanti bambini non hanno le medicine necessarie o quanti non possono andare a scuola. Queste informazioni però non scendono nel nostro cuore e c'è un distacco"."Un muro fatto di ferro, un filo spinato, che non li lascia passare -conclude - Sappiamo che esiste questo dramma ma ancora non basta. Viviamo nella indifferenza. Il nostro dramma è di essere bene informati ma non sentire la realtà altrui. E questo è l'abisso della indifferenza". 

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
Tags:
Coronavirus, Papa Francesco, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook