04:41 11 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
249
Seguici su

Calabrese, a soli 57 anni è uno dei manager pubblici più longevi d'Italia. Ecco chi è Domenico Arcuri, presidente di Invitalia e adesso commissario delegato per la lotta al coronavirus.

Originario di Melito Porto Salvo, paesino in provincia di Reggio Calabria, formazione militare alla scuola della Nunziatella di Napoli, laurea in Economia e Commercio alla Luiss, Domenico Arcuri è alla guida di Invitalia, l’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa, dal 2007, dopo un brillante percorso che lo ha visto muovere i primi passi all'IRI, nel lontano 1986. 

Nelle sue mani Invitalia ha vissuto profondi cambiamenti strutturali. Arcuri ha trasformato quella che di fatto era una holding stratificata in una agenzia pubblica per lo sviluppo del Paese, riducendo da 365 a 5 le società controllate.

Invitalia, sotto la guida di Arcuri, ha gestito diverse crisi industriali, come quella di Termini Imerere e Bagnoli. Al momento è stata chiamata dal governo per intervenire a Taranto, sull'ex Ilva e un suo ruolo è attualmente al vaglio del MISE per il rilancio di Whirlpool Napoli. Inoltre lo stato ha disposto un finanziamento di 900 milioni a Invitalia per il salvataggio della Banca Popolare di Bari.

​Arcuri, dopo alcuni anni all'Istituto per la Ricostruzione, all'interno della Direzione pianificazione e controllo, con competenze nei settori delle telecomunicazioni, dell’informatica e della radiotelevisione, è entrato nel 1992 in Pars, una joint venture nel settore della consulenza tecnologica.  Dopo un'esperienza triennale iniziata nel 2001 come partner responsabile per l'Italia di Telco, Media e Technology, diventa amministratore delegato di Deloitte Consulting. 

In passato si è parlato di lui come possibile candidato al vertice di Cassa Depositi e Prestiti, Eni e Leonardo. 

 

 

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
Tags:
Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook