01:10 09 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
192
Seguici su

Gli ultimi aggiornamenti sui casi del coronavirus in Italia diffusi dal capo della Protezione Civile, Angelo Borrelli.

Ad oggi il numero dei casi totali in Italia sale a 12462, un dato che comprende guariti, vittime e contagiati.

Nel giornaliero bollettino emanato da Angelo Borrelli durante la conferenza stampa il primo dato aggiornato è quello dei guariti e dimessi, con un aumento di 41 persone per un totale di 1045. Le persone decedute nelle ultime 24 ore sono 196, cifra che porta ad un totale di 827 vittime, mentre gli attuali positivi al Coronavirus sono 10590, con 1028 attualmente in terapia intensiva, di cui 560 in Lombardia, mentre i ricoverati sono 5838. I numeri, relativamente alti, sono in realtà un'integrazione dei dati del 10 marzo, dove quelli della regione Lombardia sui pazienti in isolamento domiciliare risultavano parziali.

Come riferito da Borrelli, la Protezione Civile ha raggiunto un totale di oltre 1 milione e 100mila mascherine distribuite a data odierna, con ulteriori consegne di ventilatori e respiratori nei prossimi giorni. Per quanto riguarda le mascherine, Borrelli ha approfittato per riferire una raccomandazione effettuata dal comitato tecnico-scientifico riguardo l'uso delle mascherine chirurgiche sul luogo di lavoro: "Il comitato tecnico-scientifico raccomanda di rispettare rigorosamente le distanze come prevenzione e contenimento dell'infezione virale. In assenza di possibilità di mantenere questa distanza è raccomandato l'uso della mascherina", ha riportato Borrelli.

Un'aggiornamento è stato dato anche per il numero di forze in campo, con oltre 3000 le forze in campo impiegate nella gestione dell'emergenza coronavirus: 1872 i volontari, 927 le unità delle forze armate e 255 persone del Dipartimento. A questo numero vanno aggiunti poi i colleghi delle Regioni, dei Comuni e il personale sanitario e degli ospedali, che sfuggono al conteggio puntuale. Le tende utilizzate per le strutture di pre-triage sono 565.

Secondo quanto riferito da Borrelli è stata anche ufficialmente attivata la CROSS, con 5 trasferimenti effettuati oggi per alleggerire gli ospedali della Lombardia, con lo spostamento per 2 in Toscana, per uno in Veneto ed i restanti 2 in Abruzzo.

Compresente, insieme ad Angelo Borrelli, il professor Giovanni Rezza dell'Iss, che ha approfittato per fare qualche chiarimento sulle domande dei giornalisti presenti. "Questo tasso di letalità italiano sembra più elevato, [...] non si può standardizzare a livello internazionale il tasso di letalità perché molto dipende da quanti test si fanno. Più test si fanno più si abbassa il tasso di letalità a causa degli asintomatici, se si effettua il test solo su coloro che presentano sintomi ovviamente il tasso di letalità sarà maggiore", ha affermato riguardo la motivazione sull'alto numero di morti in Italia.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook