04:23 31 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
0 10
Seguici su

Il giorno dopo le rivolte nelle carceri italiane a causa dello stop alle visite dei famigliari per ridurre le possibilità di contagio, è ora il momento delle inchieste e di trovare i responsabili.

Dopo la rivolta, dopo aver devastato e saccheggiato, dopo aver causato danni per milioni di euro, i detenuti responsabili di tutto ciò dovranno renderne conto. I magistrati vogliono sapere chi ha dato il via a tutto questo.

Il magistrato Alberto Nobili dell’antiterrorismo di Milano coordina le indagini presso il carcere di San Vittore, uno dei 30 e più istituti di pena italiani che si è reso teatro della rivolta delle carceri italiane degli ultimi giorni.

Nobili è tornato nel carcere con il presidente di Sorvegliana Giovanna Di Rosa per proseguire le trattative, ma si è anche al lavoro per ricostruire le dinamiche.

Rivolta partita dalla terza sezione

Secondo una prima ricostruzione la rivolta sarebbe partita dalla terza sezione del carcere di San Vittore, per poi estendersi alle altre sezioni della casa circondariale milanese.

Come è stato possibile che i carcerati siano riusciti a salire fin sul tetto, a liberarsi così in massa e in alcune carceri a evadere?

Le domande irrisolte

Ciò che stupisce è stata la capacità di coordinarsi a distanza dei detenuti di diverse carceri italiane anche molto distanti fra loro. Tutti i detenuti, da Sud a Nord, infatti, hanno chiesto a gran voce "indulto", "amnistia", "libertà".

Colpisce la facilità con cui nel carcere di Foggia sono riusciti a evadere in oltre 50.

Rivolta in carcere San Vittore a Milano
© AP Photo / Antonio Calanni

Stupisce che in molte carceri sia stato possibile appiccare il fuoco con i materassi e altre suppellettili.

Le promesse di Conte ai carcerati

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha garantito ai carcerati che riceveranno 100 mila mascherine con cui proteggersi e che saranno rafforzati i presidi medici all’interno delle carceri per il controllo delle loro condizioni di salute.

Anche se la miccia che ha fatto esplodere le carceri italiane è stata la decisione di bloccare i colloqui con i famigliari fino al 31 maggio prossimo.
Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)

Correlati:

Tesco sospende fornitore cinese, prodotti derivati da lavoro forzato di carcerati
Coronavirus mette in subbuglio carceri italiane: morti a Modena, agenti sequestrati
27 carceri italiane in subbuglio, a Foggia evasi rubano auto a meccanico: la situazione
Tags:
Milano, Carcere
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook