00:43 09 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
590
Seguici su

Il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, è risultato positivo al test al nuovo coronavirus cinese, il Covid-19. Le sue condizioni di salute sono buone.

Il governatore della Regione Piemonte, Alberto Cirio, è risultato positivo al test per il Covid-19. Lo riferisce il Quotidiano Piemontese.

A quanto si apprende, le sue condizioni di salute sono buone e sono già state attivate tutte le procedure previste per le verifiche e la messa in sicurezza delle persone a lui più vicine, tra cui i membri della giunta, dello staff e i colleghi, oltre alle persone entrate con lui in contatto di recente, tra cui ovviamente i familiari:

"Il Presidente ha già predisposto tutto il necessario affinché l’attività della Regione Piemonte in un momento più che mai difficile possa procedere senza ostacoli. Continuerà a lavorare, come fa ininterrottamente da due settimane ormai, per affrontare questa emergenza. Lo farà inevitabilmente a distanza, ma in costante collegamento e garantendo al Piemonte, ai Piemontesi e all’Italia il suo massimo supporto", hanno spiegato dalla Regione.

Il presidente Alberto Cirio, con una diretta Facebook, si è rivolto ai suoi concittadini piemontesi, rassicurandoli sulle proprie condizioni di salute e mostrandosi molto determinato a portare avanti il proprio lavoro.

Nel suo breve intervento, Cirio si è soffermato su quelle che saranno le misure restrittive che interesseranno in prima istanza le province di Alessandria, Verbanno-Cusio-Ossola, Novara, Asti e Vercelli:

"Il decreto evita il futile, il necessario si può fare", ha detto Cirio, precisando che chi si sposta per lavoro potrà continuare a farlo, così come non ci saranno restrizioni alla circolazione delle merci.

Ieri era stata resa nota la positività di Nicola Zingaretti, governatore della Regione Lazio e segretario del Partito Democratico.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook