05:07 31 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
0 60
Seguici su

L’Ambasciata d’Italia in Russia ha suggerito ai cittadini italiani di astenersi dalle visite in Russia, anche con sintomi influenzali minimi, per via delle misure recentemente adottate dalle autorità di Mosca.

La missione diplomatica italiana a Mosca invita i cittadini italiani a riconsiderare i propri possibili viaggi in Russia mediante un post su Facebook. Le autorità della capitale russa hanno adottato misure più rigide e l’Ambasciata non esclude che misure simili potrebbero essere adottate anche in altre città.

Negli ultimi giorni il sindaco della Città di Mosca Sergey Sobyanin ha firmato un’ordinanza sul livello di allerta alto per via della minaccia della diffusione del coronavirus, secondo cui le persone che hanno visitato paesi e territori dove sono stati rilevati casi di contagio dal Covid 19, devono dichiarare la data del loro ingresso nella Federazione Russa, e coloro che arrivano da Cina, Corea del Sud, Iran, Italia, Francia, Germania, Spagna ed altri paesi con numero di contagi elevato, sono sottoposti all'autoisolamento di 14 giorni dopo l'ingresso in Russia.

"Alla luce di ciò e della possibile applicazione di misure analoghe in altre città del Paese, si invitano i viaggiatori a valutare l’effettiva necessità di recarsi nella Federazione Russa in questa fase, soprattutto se non si è già residenti nel Paese o comunque se non si ha la possibilità di trascorrere l’intero periodo di quarantena presso il proprio alloggio", si legge nel comunicato dell’Ambasciata.

La missione diplomatica italiana fa notare che le autorità russe effettuano controlli sul rispetto di tale obbligo. Inoltre, il comunicato riferisce che i viaggiatori con sintomi (anche leggeri) influenzali, da raffreddore o tosse, o con poche linee di febbre vengono trattenuti in osservazione presso l’aeroporto stesso, con difficoltà di comunicare con l’esterno.

"Alla luce della possibilità di essere oggetto delle misure sopra descritte da parte delle autorità russe, si raccomanda di evitare di recarsi nella Federazione Russa se si presentano sintomi anche molto lievi di raffreddore, tosse, febbre o influenza", afferma l’Ambasciata.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook