20:56 04 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
0 1519
Seguici su

Il governo valuta la chiusura immediata di scuole e università per il coronavirus. La decisione verrà presa nelle prossime ore, dopo aver sentito un comitato tecnico-scientifico.

Il governo valuta la chiusura di scuole e università a causa dell'emergenza coronavirus. La misura, potrebbe scattare già da domani, resterà in vigore almeno sino a metà marzo e riguarderà le scuole di ogni ordine e grado per tutto il territorio nazionale.

Nessuna decisione sulle scuole è stata presa. Non c’è alcuna chiusura per il momento. Abbiamo chiesto al comitato tecnico-scientifico una valutazione, un parere, se lasciare aperte le scuole, se chiuderle, che sia proporzionale allo scenario epidemiologico del Paese in questo momento. Questa decisione arriverà nelle prossime ore", ha dichiarato il ministro dell'Istruzione Lucia Azzolina ai giornalisti a Palazzo Chigi.

Per il pomeriggio è atteso il decreto che potrebbe contenere il provvedimento.

In precedenza l'agenzia Ansa aveva diffuso la notizia della decisione del governo di chiudere scuole e università, poi smentita dal ministro Azzolina. 

Il governo si affiderà a un Comitato Scientifico che valuterà l'opportunità del provvedimento, caldeggiato dal ministro della Salute, Roberto Speranza. 

La situazione nelle regioni colpite dal virus

Intanto rimarranno chiuse sino a lunedì prossimo le scuole di Liguria, Lombardia, Piemonte, Marche ed Emilia-Romagna. 

"Bisogna capire se questo strumento è efficace e se proseguire la chiusura ha un senso. Ovviamente l'obbiettivo è la tutela degli studenti e delle famiglie", ha dichiarato l'assessore al Welfare in Lombardia, Giulio Gallera, che ha anche specificato che un'ulteriore prolungamento della sospensione delle lezioni sarà valutato con il ministro Speranza e con il governo. 

Il ministro Azzolina in precedenza ha dichiarato alla Repubblica che l'attuale momento di difficoltà deve essere vissuto come "un'opportunità con una spinta che viene dal basso, dalle scuole stesse, perché molte la didattica a distanza la facevano già". 

Se l'emergenza dovesse continuare, il ministro assicura che gli esami di stato non saranno a rischio. 

"L’auspicio è che le scuole riaprano al più presto. Ma se non fosse così prepareremo un piano di emergenza anche per gli esami di maturità", ha dichiarato la Azzolina, escludendo il sei politico. 

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
Tags:
governo, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook