08:45 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
450
Seguici su

Secondo il bollettino giornaliero della Protezione civile esposto da Andrea Borrelli durante la conferenza stampa, il totale dei guariti ad oggi è 160, 79 sono i deceduti e 2263 gli attuali positivi al Coronavirus.

Durante la conferenza stampa tenuta dal presidente della Protezione Civile Andrea Borrelli, quest'ultimo ha dichiarato le cifre aggiornate della situazione riguardante la diffusione del Coronavirus in Italia.

"Ad oggi 160 sono i guariti dal virus presenti in Italia, 79 i deceduti ed un totale di individui attualmente positivi al virus di 2263. L'88% dei positivi al Coronavirus in Italia risultano essere nelle regioni Lombardia, Emilia Romagna e Veneto. 1000 dei contagiati risultati positivi si trovano al momento in isolamento domiciliare e 1034 sono ricoverati nei vari ospedali con sintomi, i restanti 229 si trovano in terapia intensiva (10% delle persone positive al virus)", ha detto durante la conferenza Borrelli.

Borrelli ha anche voluto confermare il fatto che sia proseguita l'attività nella zona rossa, soprattutto l'attività di supporto al Servizio nazionale della Protezione Civile ed ai volontari che hanno provveduto a distribuire anche le mascherine chirurgiche nei comuni e nei paesi della zona rossa. 

​"Noi abbiamo provveduto a distribuire oltre 400mila mascherine negli ospedali delle regioni interessate. Prosegue l'attività della ricerca delle mascherine: stiamo individuando i fornitori e effettuando altri ordini. [...] Ad oggi abbiamo effettuato oltre 25800 tamponi, con un incremento del 10% rispetto al numero di tamponi effettuato ieri", ha continuato Borrelli.

In analisi da parte della regione Lombardia sono le evoluzioni per quanto riguarda i comuni della zona bergamasca, dove oggi un uomo di 71 anni è fuggito dall'ospedale nonostante fosse positivo al virus.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook