13:02 04 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
140
Seguici su

L'amministrazione comunale di Palermo finisce nei guai dopo l'arresto di due consiglieri comunali di centrosinistra, di alcuni dirigenti e imprenditori. L'inchiesta riguarda il settore dell'edilizia.

Guai per l’amministrazione comunale di Palermo guidata da Leoluca Orlando. La Guardia di Finanza ha arrestato 7 persone tra consiglieri comunali, dirigenti, professionisti e imprenditori per una inchiesta che tocca un settore del malaffare siciliano storico, ovvero l’edilizia.

I consiglieri comunali arrestati sono Sandro Terrani di Italia Viva, della Commissione bilancio finanza e tributi, e il consigliere Giovanni Lo Cascio del Pd, presidente della Commissione urbanistica, lavori pubblici ed edilizia privata e residenziale pubblica.

Tra i reati contestati agli arrestati c’è la corruzione per un atto contrario ai doveri di ufficio, corruzione per l’esercizio della funzione e falso ideologico in atto pubblico.

Indagini scattate su fatti del 2016

Secondo il Giornale di Sicilia che riporta la notizia, le indagini hanno riguardato progetti per la lottizzazione di aree industriali dismesse del Comune di Palermo risalenti al 2016. I progetti prevedevano la costruzione di ben 350 unità abitative di edilizia sociale residenziale convenzionata.

Serviva però la deroga al piano regolatore e l’unico modo per ottenerla richiedeva il parere favorevole del consiglio comunale che attestasse il pubblico interesse del progetto.

Gli indagati si sarebbero quindi prodigati per accelerare le procedure e far avere parere positivo ai tre progetti in cambio di riconoscimenti di varia natura, ma il 7 novembre 2019 il consiglio comunale di Palermo si è opposto alle proposte.

Correlati:

Antudo a Palermo: referendum per l'indipendenza della Sicilia entro 5 anni
Coronavirus, primi casi di contagio a Firenze e a Palermo
Palermo, ucciso il fratello di un boss locale
Tags:
sindaco di Palermo, Palermo, inchiesta
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook