20:02 07 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
2103
Seguici su

L'azienda Angelini Pharma ha deciso di raddoppiare, vista l'alta richiesta, la produzione del disinfettante mani Amuchina gel. La compagnia ha fatto poi sapere che il prezzo rimarrà il solito, ed ha avvertito la popolazione di non farsi ingannare dalle truffe.

Nell'azienda Angelini Pharma, che ha una sede a Casella, nella Valle Scrivia a pochi chilometri dal confine con la provincia di Alessandria, si producono annualmente 6 milioni di litri di Amuchina, inviati poi ad Ancona da dove il prodotto viene distribuito in tutta Italia.

L'aumento dell'esigenza del disinfettante registrata dall'azienda nelle ultime settimane, dovuta anche alla diffusione del Coronavirus, ha spinto Angelini Pharma a prendere la decisione di aumentare la produzione, nonostante l'aumento repentino delle richieste potrebbe rendere complicato il passaggio ad una produzione più ampia.

"In media nel macchinario destinato alla preparazione di Amuchina si lavora sedici ore al giorno per cinque giorni a settimana e neanche per tutti i periodi dell’anno, perché ci sono dei momenti in cui ci si ferma, in base alle richieste. Ora, invece, siamo già passati alla copertura 24h dal lunedì al sabato, con tre turni giornalieri. Stiamo valutando la possibilità di essere operativi, sempre per 24 ore, anche la domenica ed in questo caso non è affatto esclusa l’eventualità che si profili la necessità di ricorrere a nuovo personale", spiega l'azienda.

Tuttavia la volontà è quella di provvedere a raggiungere il quantitativo di materiale richiesto dalla popolazione, garantendo anche un prezzo invariato del prodotto: "Il prezzo ai propri canali diretti di tutti i prodotti a marchio Amuchina è rimasto invariato e non ha subito alcuna variazione rispetto al periodo pre-epidemia da Coronavirus [...] (L'azienda, ndr) è totalmente estranea ad alcuni ingiustificati rincari rilevati dai consumatori e segnalati anche dai media, verso i quali esprime una ferma condanna".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook