04:00 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
204
Seguici su

L'ASTA lancia un appello contro l'abbandono degli animali domestici durante il periodo dell'epidemia di Coronavirus: i suddetti animali, attraverso i quali è stato confermato che non sia possibile trasmettere il virus, rischiano di essere abbandonati per paura.

La diffusione del Coronavirus sta avendo conseguenze in tanti ambiti in Italia, uno di questi anche il rapporto degli uomini con gli animali. L'associazione ASTA, per la tutela degli animali, ha espresso la propria preoccupazione nei confronti di questa situazione, ripetendo che questo virus non può essere trasmesso dagli animali domestici, affermazione sostenuta anche dalla World Small Animal Veterinary Association in un documento e confermato dall’Ordine dei Medici Veterinari.

“Nonostante anche l’Oms si sia espresso con chiarezza e ha precisato che gli animali da compagnia non trasmettono il coronavirus, siamo preoccupati che ci possa essere un aumento degli abbandoni e stiamo registrando un fermo sulle nuove adozioni” ha affermato il veterinario Maurizio Albano membro dell’Asta – Associazione Salute e Tutela degli Animali.

Il veterinario Maurizio Albano spiega poi che “la paura che il coronavirus possa dipendere dagli animali è purtroppo una delle tante fake news che si sono verificate in questo periodo. È vero che il virus è un virus modificato dai pipistrelli, come sembrerebbe dalle prime indagini effettuate, ma è anche vero che il virus ormai è specie-specifico, cioè vuol dire che riguarda solo una specie e in questo caso l'uomo. Abbandonare gli animali è un atto scellerato sempre e a maggior ragione in questo momento. Gli animali hanno il loro coronavirus che non contagia l'uomo: si può assolutamente escludere che ci sia un passaggio del coronavirus dall'animale all'uomo. E per fortuna in Italia i servizi veterinari sono all'avanguardia e i migliori al mondo. Non c'è nessun allarme, come invece quello che purtroppo riguarda la peste suina”.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook