03:24 01 Novembre 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
101
Seguici su

Chi sono i pazienti zero dei focolai d'infezione da Covid-19, il nuovo coronavirus diffusosi al Nord Italia? In corso le indagini sanitarie con la partecipazione delle intelligence delle forze di polizia.

Siamo a 76 casi d’infezione da nuovo coronavirus al momento e in 5 regioni, ma gli esperti ci dicono che saliranno e questo non deve spaventarci. Anche perché il motivo dell’aumento lo ha spiegato ieri sera il presidente Conte durante la conferenza stampa al termine del Cdm straordinario. Le persone che si trovano negli epicentri di focolaio vengono sottoposte a tampone ed ecco che i casi aumentano. Come dire, è caccia ai casi e più tamponi si fanno e, casisticamente, maggiori saranno gli infettati perché, in particolare l’area intorno Codogno, è una zona dove il virus ha già raggiunto un’alta diffusione.

La caccia ai pazienti zero

Ciò che ora importa conoscere è chi ha contagiato chi. Se lo domandano in molti, ma in particolare cercano di capirlo le autorità sanitarie che stanno operando da ore in stretta collaborazione con i reparti investigativi di Carabinieri e Polizia.

Sì, perché si tratta di vere e proprie indagini sanitarie a carattere scientifico e che richiedono il know how delle intelligence delle forze di polizia.

Le certezze sono crollate ieri

Ieri alcune certezze sono crollate. Quello che si riteneva essere il paziente zero dell’area di Codogno, e cioè il manager di 41 anni di ritorno da Shanghai il primo di febbraio, le analisi scientifiche hanno escluso che sia lui, perché le analisi dell’Istituto superiore di sanità non hanno riscontrato un anticorpo che possa lasciar pensare che l’uomo abbia contratto Covid-19, anche senza nessuna manifestazione influenzale, scrive il Corriere della Sera.

Allora chi ha contagiato chi?

Altre analisi proseguono su presunti pazienti zero, ma questa volta a Vo’ Euganeo in provincia di Padova: altro focolaio separato da quello di Codogno.

L’indagine scientifico sanitaria prosegue, perché è fondamentale capire chi sono i pazienti zero se si vuole contenere davvero il virus.

Serve la partecipazione di tutti

Come ha ricordato ieri sera il ministro della Salute Speranza durante la conferenza stampa, è fondamentale che anche i cittadini collaborino al contenimento del virus. Il ministero della Salute ha pubblicato un decalogo con poche semplici regole di igiene personale che, se applicate quotidianamente, risulteranno molto utili a contenere ogni possibile contagio.

Il decalogo con alcuni video di accompagnamento li abbiamo pubblicati nell'articolo dedicato ai Consigli igienico-sanitari da adottare per ridurre il contagio da nuovo coronavirus.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)

Correlati:

Secondo caso di coronavirus a Milano: almeno 47 contagi in Lombardia
Consigli igienico-sanitari da adottare per ridurre contagio nuovo coronavirus - Video
Il numero di casi di coronavirus in Italia sale a 78
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook