08:25 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
0 33
Seguici su

Medici e paramedici erogavano esami diagnostici gratuiti ad amici e parenti permettendo loro di saltare le liste di attesa. In 141 denunciati dalla Guardia di Finanza per truffa e danno erariale.

La Guardia di Finanza di Roma ha messo sotto inchiesta 141 tra medici e paramedici dell’ospedale G.B. Grassi di Lido di Ostia perché dispensavano analisi cliniche gratuite ad amici e parenti saltando le normali liste di attesa.

Il meccanismo era semplicissimo. Sfruttando la propria password personale e l’accesso diretto al sistema informatico dell’ospedale, i sanitari prenotavano ai propri amici o ai parenti analisi cliniche e visite mediche che poi venivano svolte a titolo gratuito e saltando le liste di attesa.

Le indagini

Il mal costume è stato scoperto dalle Fiamme Gialle del 6/o Nucleo operativo di Roma a seguito di una denuncia ad una infermiera.

Le indagini svolte sono partite nel novembre del 2017 e sono state molto meticolose. Gli inquirenti hanno ricostruito l’intera rete del mal costume analizzando i tabulati delle prestazioni cliniche erogate dall’ospedale e avvalendosi di altre testimonianze.

La Guardia di Finanza non ha individuato solo i medici e paramedici compiacenti, ma anche i beneficiari delle prestazioni sanitarie gratuite. In totale 523 tra parenti e amici hanno usufruito di prestazioni gratuite.

Ora tutti gli indagati dovranno rispondere del reato di truffa aggravata ai danni del Servizio sanitario nazionale e dovranno rispondere alla Corte dei Conti per il danno erariale causato.

Tutti gli indagati hanno leso il diritto degli altri utenti che si prenotavano regolarmente al Cup e attendevano il proprio turno per sottoporsi agli esami diagnostici.

Correlati:

Virginia Raggi contestata all’Idroscalo di Ostia: ‘Vergogna’
Diabolik paciere a Ostia con Salvatore Casamonica e un avvocato: arrestati oggi
Tags:
Guardia di Finanza, ospedale
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook