04:00 31 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
105
Seguici su

Ottenevano i codici dei loro clienti moribondi e li usavano per prelevarne interamente le somme prima del decesso. Una truffa dal valore di un milione di euro.

La Guardia di Finanza di Napoli ha arrestato il promotore finanziario (family banker) Stefania Masi e l'agente assicurativo Felice Crisci, accusati a vario titolo dei reati di riciclaggio, truffa e frode informatica. I consulenti riuscivano ad ottenere dai loro clienti l'accesso ai conti correnti, da cui effettuavano acquisti e altre operazioni, e che poi svuotavano poco prima del decesso. 

L'inchiesta, condotta dal procuratore aggiunto Piscitelli, e dal pm Orlando, della Terza Sezione di Napoli, ha fatto emergere una serie di frodi per un valore che ammonta a circa un milione di euro. Somma solo in parte recuperata con un provvedimento di sequestro emesso dal gip Gianluigi Visco.

Sono complessivamente 15 le persone coinvolte nell'indagine. Due ordinanze cautelari di obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria, sono state notificate a Raffaele Di Tessitore e Pasquale Papa.

L'acquisto del Rolex

Dal conto corrente di una delle vittime della truffa è stato fatto un bonifico per l'acquisto di un orologio Rolex da 6.400 euro. Il ritiro, effettuato da una persona spacciatasi per il titolare del rapporto finanziario, è avvenuto con la presentazione di un documento di identità risultato poi non regolare. 

In seguito a successivi controlli è stato accertato che l'operazione è stata svolta dal computer di un internet point. 

Gli eredi della stessa persona si sono visti ripulire il conto del loro congiunto di 110 mila euro, attraverso tre operazioni di home banking sul conto di uno degli arrestati. 

Truffa da 250 mila euro

Inoltre la family banker avrebbe preso 250 mila euro dal conto corrente di una delle sue clienti, malata di tumore. Avrebbe poi riferito agli eredi attraverso un messaggio su chat, lo stesso  giorno del funerale, che la loro congiunta l'avrebbe incaricata dell'acquisto di quadri da regalare ai figli, precisando di tenere segreta la spesa.

Tags:
Guardia di Finanza, Napoli, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook