01:53 08 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
292
Seguici su

Lunedì nero per pendolari e viaggiatori. Stop sia nel pubblico che nel privato, conferma il ministero dei Trasporti. Saranno garantiti i servizi essenziali.

Trasporti pubblici e privati a rischio per il 9 marzo. I lavoratori dei treni, metro, bus, aerei e autostrade si fermeranno in occasione dello sciopero generale femminista indetto in occasione della Giornata Internazionale della Donna, proclamato dai sindacati di base Usi, Usb, Cub e Slai Cobas. Non è arrivata l'adesione da parte dei confederali Cgil, Cisl e Uil. 

Lo sciopero, come si legge nei comunicati ufficiali, riguarderà non solo il personale dei trasporti, ma tutte le categorie lavorative, " fuori e dentro casa, formale o informale, gratuita o retribuita. Contro lo sfruttamento del lavoro a intermittenza, precario, demansionato, ricattabile, gratuito, invisibile, che erode tempi di vita e diritti".

Gli orari dello sciopero

I lavoratori impiegati nel trasporto ferroviario di Trenitalia, Trenord e Italo, si fermeranno dalla mezzanotte alle ore 21.00 del lunedì 9 marzo. 

Il personale delle società di trasporto locale, bus e metro, aderirà allo sciopero in fasce orarie differenti per ciascuna città. 

I casellanti si fermeranno per 24 ore dalle 22 di domenica 8 marzo alle 22 di lunedì 9 marzo. 

Allo stop hanno dato l'adesione anche i lavoratori del comparto aereo, che incroceranno le braccia anche il prossimo 25 febbraio

La Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento della Funzione Pubblica ha confermato la proclamazione dello sciopero generale, comunicato in data 5 febbraio dall'associazione sindacale Usb per tutte le categorie di lavoro pubblico e privato. Ha altresì garantito i livelli di funzionamento dei servizi pubblici essenziali, assicurati nel corso dello sciopero dalle Amministrazioni pubbliche interessate.

Tags:
metropolitana, aereo, Treni, sciopero, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook