03:47 31 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
625
Seguici su

Il virus del razzismo colpisce l'Italia e si scatena contro la comunità cinese additata come 'portatrice del nuovo coronavirus'. L'ambasciata cinese italiana fa appello al buon senso degli italiani.

Si diffonde tra la comunità cinese presente in Italia la paura per le aggressioni verbali e fisiche da parte di italiani che li accusano di essere portatori del nuovo coronavirus.

I fenomeni sono diventati così preoccupanti che l’Ambasciata cinese in Italia ha dovuto diffondere un appello rivolto agli italiani affinché non si ripetano più aggressioni, insulti e minacce ai danni di persone che vivono e lavorano in Italia da decenni.

L’appello è del dottor Zhang che questa mattina ha accompagnato i 20 turisti cinesi dimessi dall’Ospedale Spallanzani e che non sono affetti da coronavirus e non sono portatori di alcun virus. I 20 turisti cinesi hanno trascorso nell’Istituto nazionale per le malattie infettive 14 giorni di osservazione perché erano entrati in contatto con la coppia di cinesi ricoverata allo Spallanzani e risultata positiva al nuovo coronavirus.

I 20 turisti cinesi sono stati monitorati per due settimane e non sono mai risultati positivi ai test. Con loro questa mattina alle ore 7:00, è stato dimesso anche l’autista italiano che li accompagnava.

300mila cinesi nella paura

Sono 300mila i cinesi che vivono in Italia, praticamente in ogni regione del nostro paese e che ora temono di essere aggrediti o etichettati già solo con uno sguardo per una malattia di cui non sono portatori.

A Torino ieri una coppia di giovani cinesi che lavora in un supermercato è stata prima aggredita verbalmente per strada e quindi è stata raggiunta da bottiglie di vetro scagliate da balordi. Una di queste bottiglie ha ferito il giovane ragazzo di 28 anni.

I due si sono recati in caserma per sporgere denuncia contro quanto avvenuto ai loro danni. Ma dovrebbero essere tutti a denunciare un razzismo crescente, figlio della più profonda ignoranza e mancanza di senso.

La cena dell’amicizia

In Sardegna l’associazione Cinapùvicina ha organizzato la Cena dell’amicizia in un ristorante cinese per avvicinare la comunità italiana a quella cinese e allontanare i pregiudizi,m a per allontanare soprattutto il virus dell’ignoranza.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)

Correlati:

Disinfezioni di massa, lavoro, solidarietà: il coronavirus visto dai social cinesi – Video
Annullata la fiera Mobile World Congress di Barcellona per il coronavirus
Coronavirus, già 1310 morti. Sollevato dall’incarico Segretario di Partito di Hubei
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook