10:38 13 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
507
Seguici su

L'Istat avverte sul calo demografico dovuto alle poche nascite. Su 100 residenti che muoiono ne nascono 67. Dieci anni fa erano 97.

Si riducono sempre più gli abitanti dell'Italia. Il primo gennaio 2020 il Paese contava una popolazione di 60.317.000, 116 mila in meno rispetto all'anno precedente. 

Diminuisce il numero di residenti al Centro e al Sud. In contro tendenza alcune regioni del nord Italia che registrano una lieve crescita. In testa le provincie di Trento e Bolzano, dove la popolazione cresce a un ritmo compreso tra il 3,6 e il 5 per mille. Cresce anche Lombardia e Emilia Romagna. 

Il crollo delle nascite

L'Italia si trova al suo quinto anno consecutivo di calo demografico. La popolazione diminuisce perché il numero dei decessi supera quello delle nascite.  Nel 2019 ci sono state 435 mila nuovi nati contro 647 mila residenti passati a miglior vita. Un saldo negativo di 212 mila unità. 

Il ricambio naturale più basso da oltre un secolo, avverte l'Istat. Per 100 residenti che muoiono ci sono 67 nascite. Dieci anni fa erano 96. 

Il saldo migratorio

I flussi migratori incidono positivamente sul numero di abitanti. A fronte di 164mila cancellazioni ci sono 307 mila iscrizioni. Un saldo positivo di 143 mila unità, nonostante la diminuzione degli ingressi nel 2019 rispetto al 2018 (25 mila in meno.

Il problema migratorio in Italia, però, è costituito dagli stessi italiani. Il numero di chi parte è maggiore di chi rientra. Un saldo negativo di 77 mila unità. 

Meno donne in età fertile

A incidere sulla diminuzione delle nascite non è la decisione delle donne di far figli ma la diminuzione del numero di donne in età fertile. La popolazione femminile compresa tra i 15 e i 49 anni si è ridotta di 180 mila unità.

Le donne non fanno meno figli, ma fanno figli più tardi. Il tasso di figli pro-capite è infatti costante (1,29), ma l'età media del parto si è elevata a 32,1 anni. Le donne con un'età superiore ai 40 anni fanno più figli delle giovani sotto i vent'anni. 

Tags:
Demografia, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook