08:50 30 Ottobre 2020
Italia
URL abbreviato
0 21
Seguici su

Il marito tentava di soffocarla con un cuscino. Adesso lui è ai domiciliari nella casa coniugale, mentre la vittima del tentato femminicidio è in comunità protetta con il figlio.

Un uomo di 45 anni aveva pianificato di uccidere la moglie, perché sospettava che lo tradisse con un altro. Così, in piena notte, le ha sferrato un pugno per poi soffocarla con un cuscino. Il piano dell'uomo è fallito grazie all'intervento del figlio 14enne, che svegliato dalle urla della mamma, ha chiamato il 112. L'intervento dei carabinieri fermato l'intento omicida del padre. 

Il tentato femminicidio è avvenuto la notte del 22 gennaio a Bibbiano, il paese nell'occhio del ciclone per l'indagine sugli affidi dei servizi sociali. Grazie alla segnalazione del ragazzo, la Procura di Reggio Emilia ha avviato le indagini che hanno portato a un provvedimento di custodia cautelare nei confronti del marito.

Il pm Marco Marano ha disposto gli arresti domiciliari per il 45enne, che si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Mamma e figlio hanno invece lasciato la casa coniugale e adesso si trovano in una comunità protetta. 

Il fenomeno del femminicidio in Italia

Secondo i dati per il 2019, riferiti dal rapporto "Questo non è amore" della Direzione Centrale Anticrimine della Polizia di Stato,  in Italia la violenza sulle donne fa una vittima ogni 15 minuti, per un totale di 88 al giorno e nell'82% dei casi il carnefice non bussa alla porta, ma entra con le chiavi.

Preoccupanti i dati in crescita sul femminicidio, definito come violenza estrema contro una donna in virtù della sua condizione di genere. 

Sebbene nel periodo gennaio-agosto 2019 sia dimunuito del 4% il numero delle vittime di sesso femminile sul totale degli omicidi, rispetto al 2018, il fenomeno dei femminicidi è in notevole incremento. Si passa infatti dal 37% di femminicidi del 2018 al 49% nei primi otto mesi del 2019. 

Codice Rosso

La polizia di stato valuta positivamente il Codice Rosso, entrato in vigore lo scorso agosto, che ha innovato e modificato la disciplina penale in caso di violenza domestica, inasprendo le sanzioni e predisponendo nuovi strumenti di tutela e di sostegno. Uno dei principali problemi della violenza tra le mura di casa, infatti, è l'emersione e la denuncia alle forze dell'ordine.

Tags:
Emilia-Romagna, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook