22:41 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
0 10
Seguici su

Stazionarie le condizioni della coppia cinese positiva al nuovo coronavirus (2019-nCoV) ricoverata allo Spallanzani di Roma. I 20 pazienti entrati a contatto con la coppia stanno bene e non hanno il virus.

La coppia di cittadini cinesi provenienti dalla città di Wuhan e in viaggio in Italia durante il Capodanno cinese, risultati positivi al test del nuovo coronavirus, sono in condizioni cliniche stazionarie.

“I parametri emodinamici sono stabili, prosegue il supporto respiratorio e il monitoraggio continuo dei parametri clinici e di laboratorio. La prognosi resta riservata”.

Lo scrive l’Ospedale Lazzaro Spallanzani nel bollettino medico emesso quest’oggi 5 febbraio 2020.

L’Istituto nazionale per le malattie infettive pubblica anche lo stato di salute delle altre persone trattenute presso la struttura per un periodo di osservazione perché entrate a contatto diretto con la coppia cinese.

Ad oggi, riporta il bollettino, “sono stati dimessi 27 pazienti dopo il risultato negativo del test per la ricerca del nuovo coronavirus”.

20 persone in quarantena senza sintomi

20 persone restano ancora in quarantena allo Spallanzani, ma “non presentano alcun sintomo”. Si tratta di persone che hanno avuto contatti diretti con la coppia di cinesi risultata positiva ai test e che devono quindi osservare un periodo di isolamento.

Lo Spallanzani riferisce che le 20 persone “sono tutte in buone condizioni generali e la loro salute non desta preoccupazioni”.

Nuovo coronavirus, trovati due farmaci efficaci

Intanto dalla Cina arriva la notizia secondo cui due farmaci già commercializzati sarebbero in grado di contrastare il virus nelle cellule in vitro. I due farmaci sono l'Abidol e il Darunavir. A darne notizia il Changjiang Daily, riporta l'agenzia Ansa

La scoperta sarebbe stata fatta dal team di ricercatori cinesi guidati dalla massima esperta cinese Li Lanjuan della Università di Zhejiang, che con tutta la sua equipe si è trasferita nella provincia dello Hubei per testare i farmaci sui pazienti risultati positivi al nuovo coronavirus.

Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, però, si tratterebbe di nulla di concreto. Il portavoce dell'OMS ha spiegato che prima di arrivare a una cura efficace ci vorrà molto tempo e bisognerà passare anche attraverso qualche sconfitta.

Gli italiani bloccati in Cina

Ci sarebbero circa 600 italiani bloccati in Cina o a Taiwan, che vorrebbero rientrare in Italia ma sono impossibilitati a farlo per la mancanza di voli aerei o per l’elevato costo dei biglietti aerei di quei pochi che ancora volano.

A Taiwan è bloccata una spedizione di speleologi italiani che avrebbe dovuto rientrare in Italia via Pechino con volo Air China a metà febbraio. La compagnia aerea ha annunciato che il volo aereo è stato cancellato e che potranno soggiornare in albergo a loro spese fino a quando non si sbloccherà la situazione.

Anche altri italiani vorrebbero rientrare in Italia perché si trovano in varie città della Cina ormai diventata fantasma. Sono bloccati in città dove scarseggia anche il cibo fresco, afferma uno di loro che in Cina faceva il ballerino in un teatro e che ora si ritrova senza lavoro e senza paga perché il teatro a chiuso fino a data da destinarsi.

Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)

Correlati:

Coronavirus, chiusi i Casinò di Macao primaria fonte di reddito della città
Coronavirus: ragazza cinese si salva da stupro tossendo e dicendo di venire da Wuhan
Coronavirus, stazionaria la coppia cinese ricoverata allo Spallanzani
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook