15:54 18 Aprile 2021
Italia
URL abbreviato
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
1 0 0
Seguici su

Ponte aereo dal 3 febbraio per rimpatriare i cinesi in Italia e permettere il rientro degli italiani dopo l'interruzione dei voli diretti con la Cina.

Il Comitato Operativo della Protezione Civile, presieduto dal Commissario straordinario Angelo Borrelli, incaricato di far fronte all'emergenza coronavirus, ha messo a punto le prime misure per contrastare la diffusione del'epidemia in Italia. 

Non verranno chiuse le frontiere, assicura Borrelli, ma gli spostamenti saranno temporaneamente limitati. Il piano prevede la sospensione dei visti di ingresso in Italia dalla Cina. Lo stop però non riguarda le merci, che continueranno a circolare. I controlli saranno intensificati negli aeroporti e estesi ai porti. Lunedì 3 febbraio saranno effettuati i primi rimpatri.

Il ponte aereo per i rimpatri

Dopo lo stop ai collegamenti sarà attivato un ponte aereo per riportare a casa i turisti cinesi rimasti bloccati in Italia e permettere il rimpatrio degli Italiani che vogliono lasciare la Cina. Lunedì 3 febbraio cinque voli di Air China arriveranno in Italia per riportare a casa i cinesi rimasti bloccati in Italia. L'idea di Borrelli è di non far arrivare gli aerei vuoti, ma di imbarcare i cittadini italiani in Cina che vogliono ritornare. 

I controlli medici negli aeroporti saranno intensificati e le procedure sanitarie già in vigore estese a tutti i passeggeri provenienti dalla Cina, anche quelli che passano per scali intermedi. Gli aeroporti saranno attrezzati per poter monitorare migliaia di persone. 

"Stiamo immaginando ulteriori misure. - spiega il commissario - Organizzeremo negli aeroporti delle aree attrezzate con termoscanner in cui tutti i passeggeri in entrata e in uscita dovranno transitare. Lo strumento ci permetterà di individuare chi ha la temperatura fuori dalla norma".

Le misure di sicurezza e prevenzione saranno estese anche ai porti. I medici potranno salire su tutte le navi in transito, sia mercantili che da crociera, per monitorare lo stato di salute dei passeggeri.

Sospensione dei visti

Stop ai visti in entrata dalla Cina. Le agenzie autorizzate non potranno temporaneamente rilasciare visti in Cina, lo ha comunicato il sottosegretario al Turismo Lorenza Bonaccorsi. Fatta eccezione per i consolati, ma solo per motivi familiari o casi di "conclamata e acclamata" urgenza. 

Tuttavia, assicura Borrelli, non è in discussione la chiusura delle frontiere.  "Stiamo lavorando per capire come potenziare i controlli su treni e auto in arrivo nel paese - ha detto il commissario -  ma non ci sono oggi, in Europa e in Italia, condizioni tali che possano far ipotizzare una chiusura delle frontiere. Sarebbe una misura veramente assurda".

Tema:
Coronavirus - 2020 (fine gennaio - 20 marzo) (374)
Tags:
Cina, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook