08:58 10 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
240
Seguici su

Un detenuto del carcere di Torino di origine marocchina si è tolto la vita utilizzando il gas di alcune bombolette. L'uomo sarebbe dovuto essere rimpatriato tra 10 giorni.

Un detenuto 40enne di origine marocchina si è suicidato nel carcere Lorusso e Cutugno di Torino nella sezione “Nuovi giunti” della struttura. L'uomo doveva essere rimpatriato tra 10 giorni dopo essere stato arrestato per rapina e dopo aver scontato alcuni mesi di carcere.

L'uomo si è tolto la vita inalando del gas di alcune bombolette e utilizzando una busta di plastica, pratica utilizzata come alternativa alla droga che in carcere è difficile da trovare.

Il 40enne aveva più volte inscenato proteste e scioperi della fame per evitare l'espulsione ma il provvedimento era stato impugnato e poi confermato in sede giudiziaria per la pericolosità del soggetto.

​Nel 2019 numerosi sono stati i suicidi avvenuti nelle carceri italiane, anche per una questione di stato di abbandono dei detenuti presenti nelle prigioni e del fenomeno del sovraffollamento. Molti sono anche i casi in cui i detenuti sono incarcerati ingiustamente: dal 1992 al 2018 sono stati circa 27mila gli innocenti che sono stati messi ingiustamente in carcere, con una spesa statale di circa 700 milioni di euro per i risarcimenti.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook