01:11 08 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
453
Seguici su

L'esecutivo ha attuato tutte le misure precauzionali necessarie al fine di evitare l'insorgenza di focolai, chiudendo il traffico aereo da e per la Cina.

In Italia sono stati accertati i primi due casi di coronavirus: si tratta di due coniugi cinesi, di 66 e 67 anni, provenienti da Wuhan e giunti in Italia per un viaggio turistico.

A darne la conferma, ieri sera, è stato lo stesso Giuseppe Conte. Il premier del governo giallorosso ha sottolineato come il nostro Paese non si è fatto trovare impreparato ed è pronto ad affrontare l'emergenza, attuando tutte le misure precauzionali del caso, a partire dall'isolamento dei malati, dal controllo di coloro che con essi sono venuti a contatto durante il loro soggiorno, arrivando fino ricostruzione dei loro spostamenti e alla chiusura del traffico aereo da e per la Cina:

"Non ci siamo fatti trovare impreparati, il ministro Speranza ha appena adottato un'ordinanza che chiude il traffico aereo da e per la Cina. Siamo il primo Paese dell'Ue ad adottare una misura cautelativa di questo genere", sono state le parole del residente del Consiglio.

I due turisti sono stati ricoverati presso lo Spallanzani di Roma, dove sono stati posti in isolamento per il trattamento medico specifico.

No agli allarmismi

Nel corso del suo intervento, Conte ha cercato di rassicurare tutti, spiegando che la situazione è sotto controllo:

"Non c'è nessun motivo di creare panico e allarme sociale, ha spiegato il premier, ricordando che sono in corso  "attente verifiche per ricostruire il percorso (dei due turisti cinesi, ndr), "per isolare i loro passaggi, per evitare assolutamente qualsiasi rischio ulteriore rispetto a quanto già accertato".

 A suffragare la posizione del premier è intervenuto poi il direttore scientifico dello Spallanzani, Giuseppe Ippolito, il quale esclude "al momento" rischi di eventuali focolai:

"Sono in buone condizioni, il che ci fa pensare che non ci siano persone esposte".

Coronavirus in Italia "fatto normale"

Secondo quanto dichiarato dal ministro della Salute, Roberto Speranza, l'insorgenza di casi di coronavirus nel nostro Paese è da ritenersi"un fatto abbastanza normale", specialmente in considerazione del fatto che "in Europa ci sono già dieci casi".

Il ministro si è poi unito all'appello del premier Conte, spiegando che "la situazione è seria, ma non bisogna fare allarmismi".

Per oggi è stato convocato un Cdm straordinario nel corso del quale saranno adottate ulteriori misure di emergenza.

Stanza d'hotel sigillata e turisti sotto sorveglianza sanitaria

Al fine di evitare un'ulteriore diffusione del virus, la stanza dell'hotel romano all'interno della quale i turisti cinesi avevano soggiornato è stata sigillata e sottoposta a decontaminazione.

Misure simili sono inoltre state applicate a veicoli e persone con i quali la coppia era entrata in contatto durante la permanenza in Italia.

Anche il gruppo di turisti con il quale i due cinesi erano arrivati in Italia è stato 'intercettato' mentre era diretto a Cassino per un'escursione ed è stato portato allo Spallanzani per ulteriori accertamenti.

Tema:
Coronavirus, situazione in Italia (21 gennaio - 20 marzo) (447)
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook