19:49 07 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
207
Seguici su

Gli esponenti del centrosinistra Pietro Bartolo e Pierfrancesco Majorino e Elly Schlein, chiedono al Governo Conte di cancellare i decreti Salvini e di superare la legge Bossi-Fini. No memorandum Libia.

Gli eurodeputati Pietro Bartolo e Pierfrancesco Majorino e l’ex eurodeputata ora neo consigliera regionale Emilia-Romagna Elly Schlein, chiedono, con una lettera aperta rivolta al Governo Conte:

“La cancellazione dei decreti Salvini, il superamento della Bossi-Fini, il potenziamento dell’accoglienza diffusa, il rilancio di SPRAR, un grande piano nazionale per la piena integrazione, il sostegno al soccorso in mare, la nuova gestione dei flussi contro qualsiasi illegalità, l’annullamento del memorandum con la Libia in cui la situazione non garantisce il rispetto dei diritti fondamentali e la cancellazione di quella autentica vergogna costituita dai campi di detenzione”.

I tre esponenti del centrosinistra si fanno così carico, in parte, di una richiesta già provenuta da altre voci e che riguarda la cancellazione del memorandum sulla Libia che si autorinnoverà il prossimo 2 febbraio senza modifiche.

I tre giovani politici chiedono anche una legge sulla cittadinanza rivolta agli stranieri che nascono in Italia, “che cancelli l’odiosa differenza tra bambini che nascono e crescono in questo Paese e che devono essere sempre riconosciuti come italiani”.

Un appello rivolto anche all’Europa

Il loro appello si rivolge anche all’Europa, affinché non lasci l’Italia sola, ma si faccia carico e “approvi davvero la riforma di ‘Dublino’”. Ed auspicano che in Europa vinca la “logica della comune responsabilità nella gestione dei processi di accoglienza e non quella della continua deresponsabilità che aiuta i trafficanti” di uomini.

Correlati:

SOS Mediterranee: 403 migranti sbarcheranno a Taranto
Gruppo di migranti irrompe in Ungheria dal confine serbo
Ocean Viking approda a Taranto con 403 migranti a bordo
Tags:
crisi in Libia, Flusso migranti, Crisi dei migranti
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook