19:28 30 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
0 01
Seguici su

Incontro al vertice tra Italia e Bulgaria, il Presidente del Consiglio Conte ha incontrato il Primo Ministro bulgaro Borissov. Tra i temi toccati il traffico illecito di rifiuti tra i due Paesi.

A Sofia si è tenuto un incontro al vertice tra il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e il Primo Ministro bulgaro Boyko Borissov, inserito nelle normali relazioni diplomatiche tra i due Paesi, ma l’occasione ha permesso ai due premier di toccare anche il tema del traffico illecito di rifiuti Italia - Bulgaria.

Conte ha assicurato durante la conferenza stampa che coinvolgerà e chiederà aggiornamenti al ministro dell’Interno Lamorgese e ribadisce che “con il governo bulgaro c'è' piena consonanza e favoriremo una più intensa collaborazione tra le autorità giudiziarie”.

“Abbiamo poi concordato l’assoluta necessità di coordinare i nostri sforzi governativi e di collaborare, al massimo livello, quindi coinvolgerò e chiederò aggiornamenti al mio ministro dell’Interno, perché siano contrastati i traffici illeciti di rifiuti. L’Italia e il governo bulgaro su questo hanno piena consonanza. Favoriremo per quel che è nostra competenza, anche una più intensa collaborazione tra le autorità giudiziarie. Non possiamo permettere che si sviluppino a livello transnazionale traffici illeciti in questo settore dello smaltimento dei rifiuti, perché abbiamo entrambi una grande sensibilità per il principio di legalità e perché nei nostri Paesi ci sia il pieno rispetto dell’ambiente, nel senso più ampio”, ha detto lui.

L'inchiesta bulgara sul traffico illecito di rifiuti con l'Italia

Il passaggio di Conte sul traffico illecito di rifiuti tra Italia e Bulgaria è dovuto all’inchiesta che in Bulgaria ha visto coinvolto il ministro dell’Ambiente Neno Dimov, costretto alle dimissioni dopo una perquisizione da parte delle autorità giudiziarie a casa sua.

In Bulgaria sono in corso indagini sullo stoccaggio inappropriato di rifiuti provenienti dall’Italia, il cui esito potrebbe portare a uno scandalo internazionale e coinvolgere altre persone anche in Italia da dove i rifiuti partono.

In varie città della Bulgaria sono state rinvenute varie tonnellate di rifiuti d’ogni tipo, tra cui carta, plastica, metallo, tutti presumibilmente provenienti dall’Italia.

Inoltre, a metà dicembre 2019, le autorità italiane scoprirono un carico di rifiuti da 800 tonnellate destinati alla Bulgaria e pronti a partire.

Video della conferenza stampa congiunta Conte - Borissov

Correlati:

Rifiuti in Sicilia, la Procura apre un'inchiesta sulla mancata realizzazione del piano regionale
Trasporto illegale di rifiuti dall'Italia, si dimette il ministro dell’Ambiente bulgaro
"Gas russo importante": Bulgaria risponde alle osservazioni Usa su Turkish Stream
Tags:
Bulgaria, Giuseppe Conte, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook