00:23 27 Settembre 2020
Italia
URL abbreviato
471
Seguici su

Giorgia Meloni testimonia in aula di Tribunale a Roma, contro lo stalker Raffaele Nugnes di Caserta, che l'aveva minacciata di sottrarle la figlia di 3 anni. La notte non dormo ha confessato.

Giorgia Meloni testimonia in tribunale per quanto riguarda la vicenda dello stalker di Caserta, Raffaele Nugnes, arrestato lo scorso 31 luglio dalla Digos, perché l’aveva minacciata e le aveva promesso che le avrebbe portato via la figlia di tre anni.

La Meloni davanti ai giudici ha raccontato la follia dell’uomo: "sosteneva che gliel'ho strappata, che la bambina era sua, che prima o poi sarebbe venuto a riprendersela a Roma".

Una vicenda che ha segnato la leader dei Fratelli d’Italia sul piano personale, tanto da arrivare a non dormire la notte.

Il processo contro l’uomo è in corso a Roma, presso la sezione penale del Tribunale di Roma.

La Meloni ha riferito ai giudici:

“La notte non dormo più se penso alle minacce che quest'uomo mi ha rivolto via Facebook. Ho paura per mia figlia che ha solo 3 anni”.

E poi ha aggiunto che lei quell’uomo non lo conosce, non lo aveva mai visto o conosciuto prima.

E le minacce alla Meloni avevano questo tenore:

“hai tempo tre giorni per venire dove sai, se non vieni sai cosa succede, vengo a Garbatella...”

Giorgia Meloni afferma anche di non essersi mai accorta di quelle minacce, perché l’uomo le pubblicava solo sulla sua pagina Facebook. Lei si è resa conto delle minacce solo quando è stata allertata dalla Digos e da sua sorella, alla quale le era arrivato “un video intimidatorio riconducibile all’imputato”.

Correlati:

Meloni sindaca di Roma Capitale: i sondaggi la danno preferita a Virginia Raggi
Meloni: ‘le Sardine predicano bene ma razzolano malissimo’. Militante Fdi insultato
Giorgia Meloni ancora contro il nutri-score francese che denigrerebbe prodotti italiani
Tags:
Giorgia Meloni
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook