04:09 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
444
Seguici su

Reggio Calabria: l'operazione "salasso" della Guardia di Finanza, porta alla luce 273 percettori del reddito di cittadinanza senza i requisiti necessari, nella locride.

Pregiudicati, legati ai clan e alle cosche della 'ndrangheta, titolari di redditi sino a 55 mila euro l'anno, intestatari di ville e auto di lusso, persino di un Ferrari: questo l'identikit dei 237 furbetti che percepivano il reddito di cittadinanza dall'aprile 2019, senza averne i requisiti. 

L'inchiesta condotta dai finanzieri del Gruppo di Locri, sotto il costante coordinamento della Procura della Repubblica, era partita da quella sui "falsi braccianti agricoli" e dalle denunce per i "falsi rimborsi fiscali". Molti di quanti finiti dell'indagine, avevano fatto poi richiesta per il sussidio. 

Le attività degli inquirenti sono state mirate alla rilevazione di possibili anomalie presenti nelle Dichiarazioni Sostitutive Uniche (DSU) poste a fondamento della richiesta del beneficio. Tali controlli hanno permesso di riscontrare irregolarità su 237 istanze, come l’omessa indicazione dei componenti del nucleo familiare anagrafico, del coniuge non separato, nonché del possesso di redditi, di beni mobili (veicoli e moto) ed immobili (terreni e fabbricati). 

I 237 percettori del reddito di cittadinanza in maniera indebita, sono stati deferiti all'autorità giudiziaria, mentre sono stati segnalati ulteriori 73 sottoscrittori delle DSU irregolari, responsabili delle condotte sanzionate dall’art. 7, commi 1 e 2 del D.L. n. 4/2019 che prevedono, rispettivamente, la reclusione da due a sei anni e da uno a tre anni.

A quanto ammontano le somme elargite

Le somme sinora elargite in maniera indebita ammontano a circa 870 milioni di euro, e riguardano il periodo dall'aprile al dicembre 2019. L'INPS ha interrotto immediatamente l'erogazione del reddito e avviato la revoca per il sussidio ai percettori coinvolti nell'indagine. Conseguentemente è stato avviato il procedimento di recupero delle somme già versate.

Tags:
reddito di cittadinanza, Guardia di Finanza, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook