04:28 02 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
2121
Seguici su

Morto il filosofo italiano Emanuele Severino all'età di 91 anni, se ne è andato in silenzio. Per tutta la vita ha lavorato sulla verità dell'essere.

Il filosofo italiano Emanuele Severino se ne è andato da questo mondo silenzioso, senza farlo sapere ai giornali, ai social, ai media.

Severino se ne è andato lo scorso 17 gennaio, a quasi 91 anni di età: li avrebbe compiuti il 26 febbraio prossimo. La notizia è arrivata solo oggi, a funerali già avvenuti, anche se lui era malato da tempo.

Il Giornale di Brescia, dove lui era nato il 26 febbraio 1929, pone la notizia in evidenza sulla home page ma gli dedica appena poche parole, forse per rispettare la sua volontà di andarsene, in silenzio.

O forse Emanuele Severino ha voluto dare a tutti noi la sua ultima lezione di filosofia e dirci "che gli essenti escono dal proprio nulla e vi ritornano".

Oppure forse ci ha voluto dire, come scrisse in 'Ritornare a Parmenide' del 1964, che:

"La storia della filosofia occidentale è la vicenda dell’alterazione e quindi della dimenticanza del senso dell’essere, inizialmente intravisto dal più antico pensiero dei Greci".

Un saluto ad Emanuele Severino

Forse le parole più idonee per salutare il filosofo Emanuele Severino, le ha scritte proprio lui nel proscritto di Ritornare a Parmenide del 1965, in cui egli afferma:

"Questo corpo brucia e a questo corpo si sostituisce la sua cenere: l’apparire non attesta altro che una successione di eventi: il pezzo di carta bianca, l’avvicinarsi della fiamma, la fiamma che cresce, un pezzo di carta più piccolo e di forma diversa, una fiamma più esile, un pezzo ancora più piccolo e di forma ancora diversa, la cenere. Ad ogni evento ne succede un altro, nel senso che un secondo evento incomincia ad apparire quando il primo non appare più. Ma che ciò, che non appare più, non sia nemmeno più, questo l’apparire non lo rivela […]. La comprensione veritativa del divenire, che è contenuto dell’apparire, rileva […] il silenzio dell’apparire circa le sorti di ciò che non appare. E se queste sorti sono taciute dall’apparire come tale, esse sono svelate […] dalla verità dell’essere che […] dice che l’essere è è non può non essere e resta eterno presso di sé".

Tutto il pensiero di Emanuele Severino

Il pensiero, in sintesi, di Emanuele Severino, è disponibile sul sito ufficiale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook