03:40 05 Aprile 2020
Italia
URL abbreviato
41614
Seguici su

E' stata respinta la proposta del senatore di Forza Italia Gasparri, che chiedeva di negare l'autorizzazione. In giornata Salvini aveva dichiarato di essere "pronto alla prigione".

La Giunta ha bocciato la proposta del presidente forzista Gasparri per negare la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti dell'ex ministro dell'Interno, sospettato di sequestro di persona per aver rifiutato alla nave della Marina Militare italiana Gregoretti lo sbarco in un porto perché a bordo si trovavano migranti naufraghi salvati in mare dai militari.

Contro la proposta hanno votato i 5 senatori della Lega, a favore i 4 di FI e Alberto Balboni di Fratelli d'Italia. In caso di pareggio, il regolamento del Senato fa prevalere i "no". Ricordiamo che in precedenza le forze della maggioranza avevano deciso di disertare il voto per evitare strumentalizzazioni da parte della Lega e di Salvini, alla vigilia degli importantissimi test elettorali per le regionali in Emilia-Romagna e Calabria.

A nome dei leghisti presenti in giunta, che come chiesto dal loro leader hanno votato a favore del processo, ha commentato l'esito della votazione Erika Stefani, che ha attaccato la maggioranza Pd-M5s e spiegato la scelta del partito.

"La maggioranza non solo vuole processare Salvini, ma pretende anche di decidere come e quando. Se la maggioranza pensa davvero che Salvini sia un sequestratore, l'ex ministro andrebbe fermato subito. La melina di Pd, Cinque Stelle e Italia Viva dimostra che è solo una vergognosa sceneggiata per colpire il leader della Lega", le parole della senatrice riportate dall'Ansa.

La Stefani ha poi ricordato il voto di domenica prossima in Emilia-Romagna e Calabria.

"La vera sentenza sarà emessa dagli elettori di Calabria ed Emilia-Romagna, e per smascherare l'ipocrisia della maggioranza voteremo sì al processo".

Dopo il voto di questa sera della Giunta delle immunità del Senato, il voto definitivo sulla questione verrà espresso dall'Aula. La data del voto, prevista a metà febbraio, verrà scelta dalla conferenza dei capigruppo del Senato, secondo quanto deciso dalla riunione della Giunta.

Salvini: “in tribunale a testa alta”

Durante un comizio a San Giovanni in Persiceto il leader di Lega ha commentato il processo:

"La signorina Carola – che per portare immigrati in Italia ha speronato una motovedetta italiana – viene assolta. E processano per sequestro di persona Matteo Salvini! Vado in tribunale a testa alta a nome del popolo italiano", ha dichiarato Salvini.

Secondo lui, "quelli del Pd non hanno neanche la faccia di difendere la loro idee. Vogliono mandarmi a processo e decidere dove, come e quando". Poi ha aggiunto: "sanno che domenica si vota in Emilia-Romagna".

Tags:
Giustizia, Immigrazione, Senato, Lega, Matteo Salvini
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook