12:46 03 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
302
Seguici su

Morto Laga, il pastore tedesco che durante il terremoto di Amatrice del 2016 ritrovò i suoi padroni e salvò la vita ad altre persone rimaste sotto le macerie. Il commovente saluto del padrone Carlo Grossi.

Laga ci ha lasciati, il cane eroe del terremoto di Amatrice che con il suo fiuto trovò i suoi padroni sotto le macerie si è spenta dopo una lunga malattia tra le braccia del suo padrone.

Il pastore tedesco rinvenne varie persone durante le fasi di ricerca dei sopravvissuti dal tremendo terremoto che distrusse per sempre interi paesi in quel mese di agosto del 2016.

La notizia è stata data dal suo padrone, Carlo Grossi, infermiere del 118.

Laga in quella terribile e maledetta notte scoprì i corpi senza vita di Franco e Anna, i figli di Carlo, ma i due non si fermarono e continuarono a cercare persone per strapparne quante più possibile alla morte.

Carlo ha lasciato un messaggio alla sua Laga, prese da M.Moronti:

“Ciao Laga. Un addio. È tramontato il sogno. Chiudo l’orizzonte, ti bacio e vado via”.

Ed in un altro post Facebook, in cui si vedono dei cuccioli di pastore tedesco giocare, ha scritto:

“Laga (Spitz x Vella) all.to Casa Mariani. La vita dei cani è troppo breve. Questa è la loro unica, vera colpa. (Agnes Sligh Turnbull)”

Persi in una notte d’estate

Carlo quella notte del 24 agosto 2016 era accanto al cane Laga, sulle macerie della loro casa. Cercavano i suoi due figli e la ex moglie.

La ex moglie la ritrovarono viva, ma i due loro figli, Franco e Anna, erano esanimi tra polvere e calcinacci.

Il terremoto se li era portati via.

“Il primo corpo che ho trovato, prosegue, dopo aver soccorso la mia ex moglie, è stato quello di mia figlia Anna, ho visto la sua treccia. Poi abbiamo continuato e ho scorto una gamba, quella di Franco. Era nella posizione come dormiva abitualmente, pancia in giù, con le braccia aperte, aggrappato al materasso. Anna e Franco non si sono accorti di nulla, il terremoto me li ha portati via nel sonno e non ho potuto fare nulla per loro”, disse Carlo Grossi intervistato in quei giorni.

Correlati:

Querela, Amatrice risponde a Charlie Hebdo
Sindaco Pirozzi: “Sono diventato sindaco di Amatrice in tempo di guerra”
Amatrice, sindaco Fontanella a Sputnik: senza deroghe non basteranno 20 anni per ricostruire
Tags:
Terremoto
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook