19:58 16 Gennaio 2021
Italia
URL abbreviato
2 0 0
Seguici su

Il ministero della Difesa adotta misure precauzionali per difendere i propri militari dispiegati all'estero nei vari teatri. Il ministro Guerini in stretto contatto con i servizi per gli aggiornamenti.

Il ministro della Difesa Lorenzo Guerini ha deciso per un immediato innalzamento delle misure di sicurezza dei militari impiegati nei vari teatri esteri. La decisione è stata maturata di concerto con i vertici della Difesa, a seguito del mutato scenario in Iraq, dove Trump ha attaccato e ucciso alti generali delle forze iraniane e irachene.

Si attendono ritorsioni da parte dell’Iran ai danni delle truppe statunitensi e i militari italiani blindano le caserme per evitare qualsiasi effetto indiretto. Ridotti quindi gli spostamenti dei militari italiani all’esterno dei compound, dovranno restare all’interno delle basi e uscire solo per espletare attività di servizio connesse alla loro presenza nel teatro estero.

Va ricordato che ieri il ministero degli Esteri italiano con una nota aveva manifestato tutta la sua preoccupazione per l’escalation in Iraq che coinvolge l’Iran e gli USA.

In queste ore i servizi segreti sono al lavoro per presentare al ministro della Difesa gli aggiornamenti sulla situazione e per pianificare attività di tutela dei militari italiani all’estero.

Va anche aggiunto, che non si segnalano minacce concrete contro i militari italiani. Il ministero della Difesa sta agendo in via precauzionale a difesa dei corpi schierati in missione che, va ricordato, sono di mantenimento della pace.

Una decisione dagli esiti imprevedibili

L’agenzia di stampa Ansa ha intervistato l’ex capo di stato maggiore dell’Aeronautica Leonardo Tricarico, il quale ha affermato che la decisione di Trump “è un’ulteriore dissennata destabilizzazione dagli esiti incerti, senza apparente logica”.

E l’ex capo di stato maggiore della Difesa Vincenzo Camporini, sempre intervistato dall’Ansa, ha sottolineato il fatto che l’Iran “non può perdere la faccia” di fronte a un attacco così diretto. Già perché non sono stati uccisi presunti terroristi di nazionalità iraniana, ma un iraniano che era capo militare e con potere politico nel suo Paese e acclamato dalla popolazione.

Correlati:

Trump accusa l'Iran di aver organizzato l'assalto all'ambasciata americana in Iraq
USA inviano 100 Marines e 2 elicotteri alla loro ambasciata in Iraq
Ecco il missile "ninja" che ha ucciso Soleimani in Iraq - video
Tags:
Attentato in Iraq, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook