13:18 03 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
125
Seguici su

Il 2020 sarà l'anno dei concorsi pubblici e degli aumenti. Le PA prevedono nuove assunzioni e gli statali si ritroveranno con un aumento lordo di 95 euro in busta. Novità anche per incrementare la fedeltà dei dipendenti.

Il 2020 sarà un anno fortunato per il pubblico impiego. Dopo la fine del blocco del turn over, le PA torneranno ad assumere: ogni funzionario che andrà in pensione verrà sostituito. Aumenteranno anche le buste paga e ci saranno anche alcune innovazioni per rendere più attrattivo il lavoro e aumentare il vincolo di fedeltà tra impiegato e amministrazione. Lo ha annunciato il ministro della Funzione Pubblica Fabiana Dadone a una intervista al "Messaggero". Ecco quali saranno le principali novità relative all'impiego pubblico per i prossimi 12 mesi.

L'anno dei concorsi

I bandi dei nuovi concorsi sono già in fase di compilazione e il ministero dovrebbe renderli noti nelle prossime settimane. In base a recenti stime sono previste 150 mila assunzioni annue nel prossimo triennio. Per 60 mila posti sono già noti i bandi e le date dei concorsi. 

Quota 100 permetterà a migliaia di funzionari di andare in pensione, liberando nuovi posti disponibili per nuove assunzioni. Grazie alla fine del blocco del turn over la proporzione tra chi lascia e chi entra sarà di 1 a 1. A questi concorsi si dovranno aggiungere quelli su base regionale, che non sono vincolati ai pensionamenti. 

La novità dei concorsi pubblici 2020, è che permetteranno una migliore profilazione dei candidati e snelliranno le procedure di selezione. I primi posti a sbloccarsi saranno quelli nella scuola, i cui bandi usciranno con molta probabilità già nei primi giorni di febbraio. 

Rinnovo dei contratti

Il ministro fa sapere che i rinnovi contrattuali saranno preceduti da un memorandum, in cui verranno discusse sia questioni di valorizzazione che di valutazione del personale. A questo si collegheranno gli aumenti salariali, già previsti nella manovra 2020 con un budget di 3,4 miliardi di euro, che equivale a un aumento lordo di 92 euro al mese, pari al +3,4% dell'attuale retribuzione. 

Aumentare l'efficienza nel pubblico

Fondamentale sarà anche trovare dei meccanismi che aumentino l'attrattività del lavoro pubblico, stroncando la disaffezione verso la pubblica amministrazione, per incrementare il legame (ma anche l'efficienza) del dipendente. Probabilmente l'intenzione sarà quella di adottare nel pubblico alcuni meccanismi motivazionali già presenti nel privato, come ad esempio l'elezione del dipendente del mese.

Tags:
ministero, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook