04:58 31 Marzo 2020
Italia
URL abbreviato
0 21
Seguici su

La manifestazione organizzata dall'associazione Libera per i 334 arrestati nell'operazione "Rinascita". Il corteo pieno di giovani è passato davanti alla sede del comando provinciale dei carabinieri per ringraziarli.

Una mobilitazione contro "tutte le mafie", nella città calabrese protagonista dell'operazione Rinascita, durante la quale sono stati effettuati 334 arresti, tra cui esponenti politici, professionisti e funzionari, e che vede oltre 400 indagati per affiliazione alle cosche della 'ndrangheta vibonese. 

La manifestazione, lanciata sui social con l'hashtag #ancheiosonostato, è stata organizzata dall'associazione antimafia Libera, fondata da don Ciotti, e ha portato in piazza centinaia di giovani che con la loro presenza hanno voluto lanciare un chiaro messaggio contro la mafia, per la legalità e lo Stato. 

Difatti il corteo è passato davanti alla sede provinciale del comando dei carabinieri, dove i manifestanti si sono fermati per dire grazie ai militari che hanno effettuato la maxi operazione coordinata dal procuratore capo di Catanzaro, Nicola Gratteri. 

"Si è trattato di una passeggiata della legalità - hanno spiegato gli organizzatori - un modo per mostrare il volto di una comunità che, piena di speranza, ha voglia di rialzarsi. Un modo per rendere omaggio alle donne ed agli uomini in divisa che, con abnegazione e massima dedizione, ogni giorno sono in trincea. I "Cento Passi" di Vibo, per riappropriarci dei nostri luoghi, della dignità calpestata da giochi di potere occulti e violenti e per sentirci tutti un po' più Stato".

Tags:
Manifestazione, Calabria, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook