12:44 03 Giugno 2020
Italia
URL abbreviato
131
Seguici su

Prosegue a rilento l'evacuazione della città di Brindisi dove questa mattina verrà disinnescata una bomba della seconda guerra mondiale. 54mila persone costrette a lasciare la casa aeroporto chiuso.

Iniziata questa mattina all’alba l’evacuazione quasi completa della città di Brindisi per il ritrovamento, il 2 novembre, di un ordigno della seconda guerra mondiale, sganciato da un aereo inglese.

Su di una popolazione di 88mila abitanti (dati Istat 2017), è stato chiesto a 54mila brindisini di lasciare precauzionalmente la propria abitazione, per consentire agli artificieri dell’undicesimo genio guastatori di Foggia di effettuare le operazioni di disinnesco dell’ordigno bellico del peso di 40 chilogrammi.

La bomba da aviolancio è di fabbricazione inglese e con molta probabilità è stata sganciata nel 1941, durante i bombardamenti della città di Brindisi, il cui porto era strategico per l’approdo e la partenza di navi militari e materiali logistici.

L’ordigno è stato ritrovato durante i lavori di ampliamento di un cinema multisala e la spoletta è stata danneggiata durante il ritrovamento.

Inizio delle operazioni di disinnesco

Le operazioni di disinnesco inizieranno solo al termine dell’evacuazione dell’area considerata a rischio. Ora prevista le 9:00, ma probabilmente slitterà a causa di ritardi. Nel frattempo ben mille uomini delle forze di polizia e 250 volontari della protezione civile locale, sono al lavoro da ieri per consentire una ordinata evacuazione.

In molti già da ieri hanno dormito presso parenti fuori città o in alberghi costieri.

Evacuazione in ritardo

Secondo quanto si apprende dai quotidiani locali (Brindisireport.it), l’evacuazione procede a rilento poiché alcuni brindisini hanno lasciato le loro abitazioni solo dopo le ore 7:00 del mattino.

Si segnalano infatti ingorghi in uscita dalla città. E come si può notare da Google Maps, sono segnalati ingorghi in particolare sulle strade provinciali a sud di Brindisi, e sulle strade SP43, SP79 e sulla SS13.

Aeroporto del Salento chiuso

Anche l’Aeroporto del Salento rimarrà chiuso dalle ore 9:00 alle ore 12:00 poiché sulla città di Brindisi è stato istituito il divieto assoluto di sorvolo. I voli aerei subiranno ritardi o cancellazioni, i passeggeri sono invitati a mettersi in contatto con le compagnie aeree, si apprende dal messaggio pubblicato sul sito dell’aeroporto di Brindisi.

Correlati:

Sei bombe della Seconda Guerra mondiale fatte brillare nel mare di Porto Azzurro
Palermo, bomba della Seconda Guerra Mondiale trovata davanti ad una chiesa
Berlino, aeroporto Schoenefeld bloccato per una bomba della Seconda guerra mondiale
Tags:
Bomba, Bomba
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook