09:33 24 Gennaio 2020
Italia
URL abbreviato
144
Seguici su

Scoperto a Ferrara un sistema Hawala tenuto da due nigeriani in un negozio di oggetti etnici. Trasferivano denaro illecito come una banca. Sequestrati 70mila euro dalla Guardia di Finanza.

A Ferrara due cittadini nigeriani che gestivano un negozio etnico, avevano occultato in questa attività commerciale una vera e propria banca clandestina destinata ai propri connazionali.

La scoperta è stata fatta dalla Guardia di Finanza di Ferrara, che ha trovato soldi nascosti tra gli oggetti etnici e in buste di plastica, per un ammontare complessivo di circa 70mila euro.

I due nigeriani, arrestati e denunciati per abusiva attività di prestazione di servizi di pagamento, tenevano una precisa contabilità delle somme ricevute su di un registro. Il denaro, poi, era suddiviso per cliente risparmiatore e su ogni pacchetto di banconote vi era riportato il nome del cliente.

Indagini partite dall’Unità di informazione finanziaria (Uif)

Le indagini della Guardia di Finanza sono partite su segnalazione dell’Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d’Italia, che aveva intercettato flussi finanziari sospetti che facevano capo ai due nigeriani.

Le fiamme gialle hanno rilevato movimenti di denaro verso carte di debito ricaricabili a loro intestate e da cui risultavano numerosi prelievi. Adesso gli investigatori stanno ampliando l’indagine per capire da dove provengono quei soldi e dove erano diretti.

Il trasferimento clandestino di denaro: Hawala

Hawala è il nome con cui si conosce il trasferimento clandestino di denaro da parte di etnie straniere, le quali non si affidano ai normali canali bancari. Un fenomeno non legato solo ai nigeriani, ma ampiamente diffuso in Medio Oriente, Asia meridionale, Nord Africa, Corno d’Africa.

Un fenomeno sostenuto dalla mancanza di conoscenza delle regole finanziarie da parte degli utilizzatori, ma anche dalla difficoltà di accesso per alcuni ai normali canali bancari. O più semplicemente un canale per far transitare denaro ottenuto illecitamente.

I costi dell’Hawala non sono quelli dei canali legali, ma più alti. Tuttavia si preferiscono perché considerati meno rischiosi, dovendo spostare somme di denaro che non hanno una provenienza lecita.

Correlati:

Сontrabbando di sigarette nel Canale di Sicilia: maxi operazione della Guardia di Finanza - Video
Guardia di Finanza scopre ennesimo furbetto: percepiva reddito di cittadinanza ma lavorava in nero
Guardia di Finanza scopre frode da 12mln nelle gare di rally, coinvolte 15 società
Tags:
Riciclaggio denaro sporco, Truffa
RegolamentoDiscussione
Commenta via FacebookCommenta via Sputnik