07:52 05 Dicembre 2020
Italia
URL abbreviato
3171
Seguici su

Il leader della Lega è intervenuto come suo solito sulle sue pagine social per attaccare la leadership pentastellata, accusata di tradire gli ideali.

"Se qualcuno ha tradito un ideale per salvare la poltrona, questi sono Grillo e Di Maio: da No al Mes a Viva il Mes, da 'Mai col Pd' a 'Viva il Pd'. Non si stupiscano se eletti ed elettori 5Stelle li mollano con Renzi e Zingaretti, e scelgono liberamente la Lega. La coerenza non è in vendita, ognuno raccoglie ciò che semina".

Questo il commento sarcastico del segretario della Lega Matteo Salvini, arrivato dopo che nella giornata di oggi il senatore campano Ugo Grassi ha reso pubblica la decisione di lasciare il Movimento Cinque Stelle per entrare nella Lega. Il cambio di partito era nell'aria, dopo che ieri durante la votazione della risoluzione sul Mes della maggioranza a Palazzo Madama Grassi, insieme ad altri 3 senatori M5s, aveva votato no, contro la linea del suo gruppo.

Di Maio ribadisce le accuse contro Salvini e Meloni sul Mes

Proprio oggi, sulla riforma del Mes, il capo politico dei Cinque Stelle Di Maio ha nuovamente insistito sulle accuse contro i leader sovranisti del centrodestra, Giorgia Meloni (FdI) e Salvini (Lega).

"Sapete quando è iniziato il negoziato del Mes? A fine 2010, quando al governo c'erano Berlusconi, Meloni e la Lega. Questi signori qui hanno iniziato il negoziato e poi lo hanno ratificato" nel "2012. Questi signori qui oggi ci stanno accusando di alto tradimento, se volevano accusare qualcuno di alto tradimento dovevano farlo con Berlusconi, quando ha iniziato la negoziazione, e poi autoaccusarsi quando, sotto il governo Monti, hanno fatto entrare il Salva Stati che in realtà e uno strozza Stati", ha affermato Di Maio.

Poi il leader del M5s ha ricordato che la Lega sarebbe potuta intervenire per fermare il Mes durante il primo governo Conte giallo-verde.

"Quando siamo arrivati al governo noi non eravamo da soli la riforma del Mes è iniziata nel 2018, e le parti più importanti di questo negoziato, a fine 2018, vedevano al governo M5S e la Lega di Matteo Salvini. Se Salvini era contro il Mes, perché quando abbiamo iniziato la riforma ha avallato la proposta di una riforma del Mes per migliorarlo? - si chiede retoricamente Di Maio. - Se è contro, sia quando era al governo con Berlusconi che quando era al governo con noi, poteva proporre di farlo saltare." 
Tags:
Meccanismo europeo di stabilità, Italia, Luigi Di Maio, Beppe Grillo, Matteo Salvini, Movimento 5 Stelle, M5S, Lega
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook