08:00 04 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
1124
Seguici su

Un corteo senza simboli di partito, ma solo tante fasce tricolori: in centro a Milano è andato in scena 'L'odio non ha futuro', la manifestazione di solidarietà indetta dopo le nuove minacce contro la senatrice a vita Liliana Segre.

Il corteo è sfilato da piazza Mercanti a piazza del Duomo. La manifestazione è stata un'idea lanciata dal sindaco del capoluogo lombardo Giuseppe Sala e dal primo cittadino di Pesaro Matteo Ricci, appoggiata dall'Anci con il presidente e sindaco di Bari Antonio Decaro, Upi e Lega autonomie.

Alla marcia sono stati presenti diversi sindaci di vario orientamento politico. I dimostranti sono stati accolti in Galleria dalla senatrice, l'unica a parlare da un palco allestito per l'occasione in piazza della Scala. 

​Da rilevare la prevalenza di sindaci di centrosinistra al corteo, tuttavia l'adesione è stata trasversale. Erano presenti anche il sindaco di Firenze Dario Nardella e quello di Palermo Leoluca Orlando. Ai sindaci si sono aggiunti diversi cittadini.

​Liliana Segre ha poi stretto la mano al sindaco di Milano in rappresentanza dei sindaci. La senatrice a vita era circondata dalla scorta e da decine di cittadini. ‘Liliana’ è il grido che è stato ripetuto più volte insieme a lunghi applausi.

Nel suo intervento la senatrice a vita ha riservato parole per i giovani, in cui ripone molte speranze.

"Ho conosciuto l’odio, ho sentito le parole dell’odio, odiose e insultanti. e poi ho visto con i miei occhi la messa in opera del programma feroce preparato dall'odio. Più tardi, quando ho trovato la forza di raccontare, guardavo e guardo gli occhi dei giovani che mi ascoltano e spero molto in loro, forse future candele della memoria".

Poi Liliana Segre si è rivolta anche ai sindaci.

"Guardo negli occhi tutti questi meravigliosi figli con la fascia tricolore – ha aggiunto la senatrice a vita – e tutti i cittadini venuti a testimoniare e a gridare basta odio, parliamo d’amore. Nell'Italia degli ottomila comuni c’è un giacimento straordinario rappresentato dalla storia della nostra comunità. Sta a voi che questo giacimento non venga abbandonato".

Prima che la senatrice a vita prendesse la parola, il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha promesso nuove mobilitazioni se il clima d'odio non si fermerà.

"Un messaggio ai commentatori d’odio. La mobilitazione dei sindaci e cittadini siamo pronti a continuarla e a tornare in piazza se questo clima d’odio non cambia".

Scorta a senatrice Liliana Segre

Dopo l'incremento degli insulti e le incitazioni all'odio antisemitico dei giorni scorsi, è stata disposta la scorta per la senatrice a vita 89enne Liliana Segre.

Il Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica di Milano, presieduto dal prefetto Renato Saccone, ha disposto che dalla giornata di oggi a Liliana Segre sia garantita una scorta personale che la protegga.

Voto in Senato sulla "commissione Segre"

Con 151 voti favorevoli, nessun contrario e 98 astensioni, il Senato ha approvato la mozione della senatrice a vita Liliana Segre sull'istituzione di una commissione straordinaria per il contrasto ai fenomeni dell'intolleranza, del razzismo, dell'antisemitismo e dell'istigazione all'odio e alla violenza. Il centrodestra si è astenuto, suscitando critiche tra la comunità ebraica e il Vaticano oltre che nel centrosinistra.

Tags:
Società, Razzismo, Manifestazione, Italia, Milano
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook