01:28 06 Luglio 2020
Italia
URL abbreviato
11219
Seguici su

Il leader delle Sardine, il 32enne bolognese Mattia Santori , non respinge l'ipotesi di fondare un partito, in virtù della popolarità raggiunta in tutto il Paese del movimento anti-Lega.

Uno dei fondatori e il volto più noto del movimento anti-Carroccio Mattia Santori ha parlato delle prospettive politiche future delle Sardine. Prima di tutto ha evidenziato il ruolo del movimento. 

"In questo momento colmiamo un vuoto di rappresentanza", ha dichiarato, aggiungendo che si prospettano due scenari d'azione per il movimento: "o fondiamo un partito o presentiamo le nostre istanze a chi politica già la fa. Che siano Pd, Cinque Stelle o destra moderata. Arriveremo a quattro, cinque o sei punti su cui chiederemo alla politica di lavorare", ha dichiarato.

Ha poi annunciato una riflessione interna al movimento.

"Siamo partiti da un punto ben preciso che ha messo tutti d’accordo: il linguaggio politico, per chiarire che per affermare un’idea non devo per forza aggredire qualcuno, in maniera pacifica e concreta, arriveremo a capire in base a come sono composte le nostre piazze quali sono i temi sui cui è necessario lavorare".

Le parole di Santori, riportate dal giornale il Tempo, arrivano sullo sfondo di altre dichiarazioni interessanti del leader carismatico delle Sardine su un altro personaggio della politica italiana partito in quarta ma ultimamente, almeno guardando i recenti sondaggi non più così popolare e catalizzatore di voti: Matteo Renzi.

Anche l’ideatore del movimento delle Sardine all'inizio è stato un fan di Renzi, ma poi come gran parte dei suoi sostenitori della prima ora lo ha rottamato.

"A me Renzi piaceva. Poi, però, sono andato a vederlo alla festa dell’Unità dal vivo e lì mi è cascato, davanti al senza filtro", ha dichiarato Santori durante la trasmissione L'Assedio condotta da Daria Bignardi in onda su Nove.

A colpire Santori è stata la "mancanza di empatia, il distacco tra realtà e persona che stava sul palco".

Sardine, bacino potenziale del 17%

Secondo il sondaggio di Emg Acqua per Agorà la Lega sarebbe sempre il primo partito seguito da PD, M5S, FdI, Forza Italia e Italia Viva mentre le "Sardine" se presentassero una lista potrebbero ottenere un 17%, pescando i voti dal Pd (28% elettori Dem favorevoli a votare Sardine) e dal M5s (20%).

Tags:
M5S, Movimento 5 Stelle, partito Democratico, Matteo Salvini, Lega, Politica, Italia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook